Qua

Reader

A list of all postings of all blogs on Qua where the author has configured the blog to publish on this page.

from MauthausenGusen

Read more...

from MauthausenGusen

Read more...

from MauthausenGusen

 
Read more...

from MauthausenGusen

 
Read more...

from MauthausenGusen

 
Read more...

from brainwonders

How to choose the right Franchise consultancy for your Children?There is no doubt that kids these days are really smart. But then, there is a lot of competition too. It is no longer about the right skills, knowledge or potential; it is also about the right timing, right decision making and recognition of one’s strengths and weaknesses. Do you think that your child knows about such areas?

Well, the point is you can always consult the professionals like good Franchise consultancy and ensure that you have the right guidance for your children. Of course, your children do need a clear mindset to ensure that they work in a right direction. What is the point if your child is simply banging his head in the wall and ending up in no outcomes? If the right direction is missing, even the best moves and efforts can turn out to be futile. Hence, it is important that you pick the right professionals to guide your child so that he can prosper in the future. But again, the question is how to choose the right and effective counselling experts? Well, following are some important points.

Check the reputation of counselors

The foremost thing that you must do is to check the reputation of the councilors. Once you are sure that they are professional, have good reputation and name; you can go for them. What is the point if you pick any random counselors and they turn out to be useless and ineffective? Such a thing will only ruin the growth of your child and may misguide you all too. Hence, it is important that you pick only the reputed professionals for the counseling. Compare the work Then you should do some research work too. You must compare the professionals with other professionals. What you can do is, you can short list a few counselors and then find out who is the best. When you compare the services and the workings of different counselors; you can end up with the best results. After all, it is about growing in a productive and effective manner. After all, work gets you the best guidance and helps you make the right moves.

Talk to them and know about their ways

Then you should personally talk to the counselors and find out what their franchise gets your children in specific. You should know how they guide your kids and what they have to help the parents understand the right paths. Now, for example, some franchises have even proper tests like iq test, DMIT and similar tests. Once your children take these tests, they will get to know about their interests, their iq, their weaknesses and strengths. On the basis of these concrete things; your kids and you can make a decision that may turn out to be game changing for the future of your beloved kids.

Conclusion

So, the point is simple and clear; you need to pick only the right franchise consultancy services and ensure that your kids get the assistance that is important for them. After all, your children should get proper guidance at every step and a right counselor team can help significantly because of their extensive experience and knowledge.

Source URL: https://techgeniuszone.com/how-to-choose-the-right-franchise-consultancy-for-your-children/

 
Read more...

from HPworld27

Un tercio de la humanidad ha recibido la mano de los profesionales cubanos de la salud

En las seis décadas de la colaboración médica cubana en el exterior, el personal de la Mayor de las Antillas ha atendido a mil 988 millones de personas en el mundo, casi un tercio de la humanidad, afirmó el Dr. Jorge Delgado Bustillo, director de la Unidad Central de Cooperación Médica (UCCM). El doctor también aseguró que los galenos de la Isla han realizado más de 14 millones 500 mil operaciones quirúrgicas, 4 millones 470 mil partos y han salvado 8 millones 700 mil vidas, resultados que elevan el prestigio de la medicina cubana en el ámbito internacional.

Actualmente más de 30 mil 407 profesionales de la salud de Cuba se encuentran en 66 naciones, distribuidos en brigadas médicas permanentes y otras del Contingente Henry Reeve, justo cuando la pandemia de la COVID-19 provoca la muerte de miles de personas a diario.

Expresó Delgado Bustillo que debido a la solicitud de los gobiernos, el Contingente llegó por primera vez a Europa, a la región italiana de Lombardía y a la ciudad de Turín; también estuvieron en el Principado de Andorra, y en decenas de naciones de América Latina y el Caribe, África, Asia y Medio Oriente. En total han sido 56 las brigadas que se conformaron para combatir el SARS-CoV-2, de las que se encuentran activas 25, con alrededor de dos mil 500 colaboradores.

Ante esta emergencia sanitaria no es la primera vez que Cuba da el paso al frente, comentó el director de la UCCM, y recordó la presencia de la Isla luego del terremoto en Pakistán, en 2005, y en 2010 durante otro terremoto en Haití y la epidemia de cólera, cuando fueron los galenos cubanos quienes primeros atendieron a los damnificaron e identificaron la enfermedad en ese país. Brigada Henry Reeve en Pakistán También estuvieron 265 profesionales en Sierra Leona, Liberia y Guinea Conakry, durante la epidemia de ébola en 2014, mientras que desde Cuba otros 12 mil voluntarios estaban dispuestos a cumplir esa misión.

Cuba tiene miles de profesionales de la salud que van hacia las naciones más distantes y las condiciones más difíciles de forma voluntaria, sin que medie ninguna presión; pues es una decisión espontánea de cada profesional de la salud. El doctor reiteró que el aporte económico que la colaboración médica realizan al país para respaldar el sistema de salud gratuito, pero que le cuesta a la nación en materias primas, medicamentos y equipamiento.

La historia de hermandad con otros pueblos se remonta al año 1960, cuando marchó a Chile una brigada emergente para socorrer a los damnificados de un terremoto en la ciudad sureña de Valdivia, de 9,5 grados en la escala Richter, el sismo mayor registrado en la historia. Tres años después, inició de forma oficial la colaboración médica cubana con el envío de brigadas permanentes a la República Argelina Democrática y Popular, nación que alcanzaba su independencia tras culminar una guerra anticolonial con Francia. Desde entonces, Cuba ha estado presente en más de 150 países con más de 420 mil profesionales de la salud.

 
Read more...

from c10

Voici donc très aimés Tous, en cette Terre si éclatante de ses Forces, que votre Contribution indispensable en ces Oeuvres se révèle imparfaite encore, au regard des Objectifs que cependant -et Vous le savez radicalement- Vous désirez plus que tout voir Se concrétiser et vivre, pour le meilleur de Tous.

https://voixdelumiere.fr/2021/02/nos-vraies-capacites-ensemble-daccomplissement-entendre-le-signal — Español: https://qua.name/vocesdeluz/nuestras-verdaderas-capacidades-de-realizacion-y-su-senal

 
En savoir plus...

from HPworld27

WhatsApp es sin duda alguna la app de mensajería instantánea más importante del mundo y ello a pesar de la aparición de alternativas tan potentes como Telegram o Signal. Estas dos últimas herramientas se han puesto en boca de todos y es que WhatsApp anunció un cambio en sus condiciones y términos que realmente no gustó a nadie, por lo que incluso se vio en la necesidad de recular.

Pero Telegram ni Signal no son las únicas alternativas válidas al servicio de Facebook. Delta Chat es otra app de comunicación que está ganando bastantes adeptos estas semanas y es que entre sus características principales, está la de preservar la seguridad y privacidad de sus usuarios algo de lo que WhatsApp por desgracia no puede presumir.

Pero, ¿cómo funciona Delta Chat? ¿Por qué se ha vuelto tan popular? Pocketnow nos da varias claves de su éxito.

Únicamente necesitas un email para registrarte

Tener una cuenta en Delta Chat es tan sencillo como tener un correo. Y dado que lo más seguro es que la queramos instalar en un smartphone Android o iOS y para usar estos dispositivos necesitas una cuenta de correo, pues blanco y en botella.

Delta en realidad es como una aplicación de correo electrónico pero con la interfaz de una app de mensajería instantánea. Por lo que en realidad no te estarás creando una cuenta en el enésimo “WhatsApp Killer” si no utilizando tu propio correo electrónico para enviar mensajes instantáneos.

No es necesario dar tu número de teléfono para usar Delta

Uno de los puntos positivos de Telegram respecto de WhatsApp, es que para hablar con otros usuarios no es necesario darles nuestro número de teléfono dando un extra se seguridad a nuestras conversaciones. Ahora bien, para crearse una cuenta con Telegram es necesario registrarse con nuestro número de teléfono.

Con Delta Chat esto no pasa. Como hemos dicho anteriormente, para usarlo únicamente hace falta una cuenta de correo electrónico. A mayor abundamiento, para comunicarnos con nuestros contactos tan solo hace falta conocer su dirección de email.

No depende de servidores externos

¿Cuántas veces se han caído los servidores de WhatsApp dejando a millones de usuarios sin poder comunicarse? Básicamente todas las apps de mensajería dependen de sus propios servidores por lo que si estos por la razón que sea dejan de funcionar, todo el mundo se queda sin poder usar la app en cuestión.

La ventaja de Delta es que al funcionar igual que un cliente de correo electrónico, depende de la configuración IMAP/SMTP de cada uno por lo que si esta falla, únicamente se verá afectado un único usuario y no toda la comunidad.

Más control sobre el SPAM

En más de una ocasión habréis recibido mensajes en WhatsApp de números desconocidos. Con Delta, controlar el SPAM es mucho más sencillo ya que al igual que muchos clientes de correo, cuenta con varias opciones para protegerse de mensajes indeseados.

Por un lado, podemos bloquear cualquier mensaje cuyo origen no sea la app de Delta. Por otro lado, también podemos añadir filtros para que cualquier mensaje que contenga esas palabras, sea bloqueado al instante.

Múltiples cuentas

Una de las preguntas que más se hacen los usuarios de WhatsApp es acerca de la posibilidad de tener varias cuentas en la misma app. Pues no, no se puede por lo menos con la aplicación oficial y para conseguirlo hay que hacer ciertos trucos y trampas que sinceramente, a veces no merece la pena hacer.

Delta Chat permite disponer de varias cuentas y cambiar entre ellas de manera simple y rápida. De esta manera podríamos tener una cuenta personal, otra para el trabajo e incluso otra más para cualquier otra situación.

Delta Chat: ¿la mejor alternativa a Signal y WhatsApp?

Los desarrolladores de Delta Chat definen a este app como un servicio joven pero con mucho potencial para ofrecer. No pretende revolucionar la tecnología pero sí corregir los principales errores de apps como WhatsApp, Signal o Telegram. Privacidad, seguridad, mayor control de nuestros datos… únicamente el usuario sabrá los mensajes que envía y nadie más.

A pesar de que cuenta con muchos “beneficios” como mensajes cifrados, mensajes que se eliminan con el paso del tiempo, así como mensajes de voz, emojis, posibilidad de anexar documentos o compartir la ubicación del usuario, esto no significa que Delta Chat no tenga mucho que mejorar.

¿Es por lo tanto la mejor alternativa a Signal, que a su vez era la mejor alternativa a WhatsApp? Obviamente se trata de una aplicación de mensajería muy a tener en cuenta, no solo por su buen funcionamiento sino también por la privacidad que brinda a sus usuarios. Empero, de nada le sirve ser una grandísima herramienta si no tiene una gran base de usuarios algo que de momento, sí que tiene WhatsApp que sigue reinando y todo ello a pesar de no ser la mejor aplicación de mensajería ni de lejos

 
Leer más...

from diorama

Sorvegliare e Punire 4.0: ragioni

(pubblicato per la prima volta il 12 febbraio 2019 e riproposto qui.)

Mondo, 17 marzo 2018. Scoppia il caso Cambridge Analytica, definita un “arsenale di armi per la guerra culturale”, [0] società che profilava e analizzava i dati di 87 milioni di utenti (più della popolazione nello Stivale) per condizionare le elezioni politiche quali ad esempio la campagna presidenziale di Donald Trump e l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea (Brexit). Francia, 16 ottobre 2018. Le forze dell’ordine irrompono a casa di Jean-Luc Mélénchon, fondatore de La France Insoumise, e in varie sedi della stessa e del Parti de Gauche. Sequestrati telefoni e computer anche della segretario generale di LFI Clémence Guetté, di diversi collaboratori e assistenti parlamentari. Tutte le informazioni non criptate (password, messaggi, documenti sensibili) sono in mano a guardie e magistrati. [1] Italia, 1 dicembre 2018. Entra in vigore il DL 113/2018 [2][3] che, tra le varie, introduce la possibilità di intercettazioni anche telematiche nel caso di occupazioni di terreni o edifici ad opera di più di cinque persone. Non è inverosimile che molti di noi siano intercettati perché indagati o hanno contatti telematici di qualsiasi tipo con indagati. [4]

Diceva un compagno che quello che è successo sulla catena di montaggio in un secolo, in ambito informatico è accaduto in 10 anni. In modo inconsapevole, ogni giorno diamo in pasto le nostre innumerevoli tracce a questi satrapi elettronici, gli occhi e le orecchie dell'industria 4.0 (Google, Facebook, Amazon, etc.), ciò che sulla Terra più si avvicina al concetto di “divinità onniscienti”. Non si tratta solo dei nostri computer o dei nostri telefoni, ma anche di quelli altrui e di strumenti molto al di sopra delle possibilità del singolo, in mano a governi, servizi segreti o multinazionali. Volti, voci, pensieri, impronte, spostamenti, relazioni, anagrafiche e documenti... Tutto contribuisce a una schedatura quanto più vicina alla corrispondenza persona-dati (e metadati) che lasciamo in giro.

Potremmo prenderci il lusso di non farci domande solo se fossimo persone a cui tutto sommato va bene sguazzare in questo sistema, col feticcio della legalità, con un disciplinamento psicologico (e politico) che rasenta l’obbedienza cadaverica all’ordine costituito. Poiché questo non siamo, anche la più piccola mela rubata per fame deve impegnarci a cogliere questo frutto della conoscenza informatica, saldamente in mano ai padroni. Bisogna fare un ragionamento insieme su come opporci a questa “Repressione 4.0”. Contro di noi si può scatenare la repressione più precisa e scientifica possibile, una repressione artificiale ma intelligente, costruita a misura di noi stessi perché impara da come noi stessi siamo in base alle tracce che lasciamo. Stiamo continuamente allenando il predatore perfetto contro noi stessi, il nostro doppelgänger.

Esistono delle avanguardie informatiche che tentano di opporsi a questo sistema e hanno messo a punto strumenti di difesa per fronteggiarlo; è però noto che hanno comunque difficoltà a rendere popolari questi strumenti, a fare in modo che anche la compagna o il compagno meno avvezzi alla tecnologia abbiano almeno piccoli spazi di agibilità politica. L’accesso agli strumenti di difesa è possibile oggi solo a chi ha una formazione accademica o una spigliatezza fuori dal comune, ma anche queste compagne e questi compagni sono vulnerabili. In un mondo di “uomini di vetro” che “non hanno nulla da nascondere” [5] si vede subito quando una persona prova a nascondere qualcosa, per necessità o per volontà, di fatto autodenunciandosi. È fondamentale ricorrere – in maniera strutturale, a livello di organizzazione – al “mutualismo informatico”, avvicinandoci in maniera interessata ma critica a questi strumenti, in modo da saperne discernere pro e contro, prima di tutto per difendersi ma anche in futuro per attaccare.

Quando il capitalismo era ancora in fase espansiva e lo stato borghese-sociale distribuiva una piccola quota dei profitti per tenerci a bada, la repressione era proporzionata al livello di conflitto nella società. Oggi, dove agli sfruttati e agli oppressi non arrivano nemmeno le briciole, non c’è più proporzione che tenga. La tutela dell’“innocente fino a prova contraria” in realtà vale solo per le accuse di peculato, falso in bilancio, malversazione... ma non vale per la delinquenza proletaria o sottoproletaria. Anche per le azioni politiche dei compagni scompare il garantismo: si tratta di più di 15.000 denunce e di 800 arresti fra gli attivisti politici dal 2011 a metà 2017. [6] Stiamo perdendo per strada persone, energie, soldi. Finisce in carcere la meglio gioventù e settori politicizzabili del blocco sociale. Per noi, nemmeno le dimostrazioni nelle aule dei tribunali sono garantite. Nemmeno più i capi d’accusa sono formulati, ma semplici suggestioni diventano facilmente disposizioni extra-processo: fine repressione mai. [7] Questo è capitato per esempio a ex-combattenti YPG/YPJ per cui la procura di Torino richiede la sorveglianza speciale. [8] Vi svelerò un segreto di Pulcinella: esistono già le tecnologie al computer per creare castelli accusatori più solidi e personalizzarli su larga scala.

Non è possibile che la generosità dei compagni sia ripagata senza uno straccio di tutela e senza educarli all’autotutela, che siano mandati al macello, subendo la repressione alle manifestazioni o nei luoghi di lavoro, alla mercé delle guardie, della postale, dei giudici e dei secondini, dei media. L’apparato repressivo va rifiutato in blocco e all’occasione bisogna imparare a diventare “anguille” [9] per sfuggire alle sue reti. [nota 26/02/2020: altro che sardine!] Per questo, bisogna incaricarsi anche della controformazione capillare sugli strumenti di difesa – che siano essi fisici o virtuali, legali o mediatici – al fine di raggiungere una sovranità politica, artefici davvero del nostro avvenire. [...]

 
Read more...

from diorama

(pubblicato per la prima volta il 12 febbraio 2019 e riproposto qui.)

Mondo, 17 marzo 2018. Scoppia il caso Cambridge Analytica, definita un “arsenale di armi per la guerra culturale”, [0] società che profilava e analizzava i dati di 87 milioni di utenti (più della popolazione nello Stivale) per condizionare le elezioni politiche quali ad esempio la campagna presidenziale di Donald Trump e l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea (Brexit). Francia, 16 ottobre 2018. Le forze dell’ordine irrompono a casa di Jean-Luc Mélénchon, fondatore de La France Insoumise, e in varie sedi della stessa e del Parti de Gauche. Sequestrati telefoni e computer anche della segretario generale di LFI Clémence Guetté, di diversi collaboratori e assistenti parlamentari. Tutte le informazioni non criptate (password, messaggi, documenti sensibili) sono in mano a guardie e magistrati. [1] Italia, 1 dicembre 2018. Entra in vigore il DL 113/2018 [2][3] che, tra le varie, introduce la possibilità di intercettazioni anche telematiche nel caso di occupazioni di terreni o edifici ad opera di più di cinque persone. Non è inverosimile che molti di noi siano intercettati perché indagati o hanno contatti telematici di qualsiasi tipo con indagati. [4]

Diceva un compagno che quello che è successo sulla catena di montaggio in un secolo, in ambito informatico è accaduto in 10 anni. In modo inconsapevole, ogni giorno diamo in pasto le nostre innumerevoli tracce a questi satrapi elettronici, gli occhi e le orecchie dell'industria 4.0 (Google, Facebook, Amazon, etc.), ciò che sulla Terra più si avvicina al concetto di “divinità onniscienti”. Non si tratta solo dei nostri computer o dei nostri telefoni, ma anche di quelli altrui e di strumenti molto al di sopra delle possibilità del singolo, in mano a governi, servizi segreti o multinazionali. Volti, voci, pensieri, impronte, spostamenti, relazioni, anagrafiche e documenti... Tutto contribuisce a una schedatura quanto più vicina alla corrispondenza persona-dati (e metadati) che lasciamo in giro.

Potremmo prenderci il lusso di non farci domande solo se fossimo persone a cui tutto sommato va bene sguazzare in questo sistema, col feticcio della legalità, con un disciplinamento psicologico (e politico) che rasenta l’obbedienza cadaverica all’ordine costituito. Poiché questo non siamo, anche la più piccola mela rubata per fame deve impegnarci a cogliere questo frutto della conoscenza informatica, saldamente in mano ai padroni. Bisogna fare un ragionamento insieme su come opporci a questa “Repressione 4.0”. Contro di noi si può scatenare la repressione più precisa e scientifica possibile, una repressione artificiale ma intelligente, costruita a misura di noi stessi perché impara da come noi stessi siamo in base alle tracce che lasciamo. Stiamo continuamente allenando il predatore perfetto contro noi stessi, il nostro doppelgänger.

Esistono delle avanguardie informatiche che tentano di opporsi a questo sistema e hanno messo a punto strumenti di difesa per fronteggiarlo; è però noto che hanno comunque difficoltà a rendere popolari questi strumenti, a fare in modo che anche la compagna o il compagno meno avvezzi alla tecnologia abbiano almeno piccoli spazi di agibilità politica. L’accesso agli strumenti di difesa è possibile oggi solo a chi ha una formazione accademica o una spigliatezza fuori dal comune, ma anche queste compagne e questi compagni sono vulnerabili. In un mondo di “uomini di vetro” che “non hanno nulla da nascondere” [5] si vede subito quando una persona prova a nascondere qualcosa, per necessità o per volontà, di fatto autodenunciandosi. È fondamentale ricorrere – in maniera strutturale, a livello di organizzazione – al “mutualismo informatico”, avvicinandoci in maniera interessata ma critica a questi strumenti, in modo da saperne discernere pro e contro, prima di tutto per difendersi ma anche in futuro per attaccare.

Quando il capitalismo era ancora in fase espansiva e lo stato borghese-sociale distribuiva una piccola quota dei profitti per tenerci a bada, la repressione era proporzionata al livello di conflitto nella società. Oggi, dove agli sfruttati e agli oppressi non arrivano nemmeno le briciole, non c’è più proporzione che tenga. La tutela dell’“innocente fino a prova contraria” in realtà vale solo per le accuse di peculato, falso in bilancio, malversazione... ma non vale per la delinquenza proletaria o sottoproletaria. Anche per le azioni politiche dei compagni scompare il garantismo: si tratta di più di 15.000 denunce e di 800 arresti fra gli attivisti politici dal 2011 a metà 2017. [6] Stiamo perdendo per strada persone, energie, soldi. Finisce in carcere la meglio gioventù e settori politicizzabili del blocco sociale. Per noi, nemmeno le dimostrazioni nelle aule dei tribunali sono garantite. Nemmeno più i capi d’accusa sono formulati, ma semplici suggestioni diventano facilmente disposizioni extra-processo: fine repressione mai. [7] Questo è capitato per esempio a ex-combattenti YPG/YPJ per cui la procura di Torino richiede la sorveglianza speciale. [8] Vi svelerò un segreto di Pulcinella: esistono già le tecnologie al computer per creare castelli accusatori più solidi e personalizzarli su larga scala.

Non è possibile che la generosità dei compagni sia ripagata senza uno straccio di tutela e senza educarli all’autotutela, che siano mandati al macello, subendo la repressione alle manifestazioni o nei luoghi di lavoro, alla mercé delle guardie, della postale, dei giudici e dei secondini, dei media. L’apparato repressivo va rifiutato in blocco e all’occasione bisogna imparare a diventare “anguille” [9] per sfuggire alle sue reti. [nota 26/02/2020: altro che sardine!] Per questo, bisogna incaricarsi anche della controformazione capillare sugli strumenti di difesa – che siano essi fisici o virtuali, legali o mediatici – al fine di raggiungere una sovranità politica, artefici davvero del nostro avvenire. [...]

 
Read more...

from diorama

(pubblicato il 27 febbraio 2020 su un precedente blog. Non aspettatevi dotti riferimenti a Foucault.)

carro alien facebook düsseldorf Didascalia: Carro di carnevale con Alien-Facebook e il suo carico di HETZE, HAϟϟ (odio, scritto con le rune delle SS), RADIKALISIERUNG (radicalizzazione) che avanza per le strade di Düsseldorf. La giustizia prova ad acchiapparlo per la coda ma nun glia fa. Credits: @ggg@mastodon.bida.im

Instradare una guerra di classe sempre più cruenta — e rigorosamente dall’alto — verso l’anestetizzazione del conflitto (Movimento 5 Stelle) o la simulazione della guerra dei poveri ai più poveri (Lega) non è stato facile. Come non è facile candidarsi a gestire la trasformazione tecnologica del sistema produttivo per quegli epigoni post-comunisti e post-democristiani che ruotano intorno al Partito Democratico. Preferisco tenermi lontano dalle “analisi di fase”: data la complessità sistemica, queste “analisi” dovrebbero essere frutto di intelligenze collettive e non di singoli commentatori (quasi sempre maschi). Osservo solo che gli effetti di “formule magiche” degli 80 euro, del “reddito” di “cittadinanza” e della quota 100 svaniscono troppo in fretta. Dalle tre F borboniche “Feste, Farina e Forca” pare sia scomparsa la farina sotto il paradigma multipartisan dell’austerità (sì, vale pure per la Lega: sono rimaste solo le feste e la forca da somministrare. Ritornano (anche se di misura) le ipotesi di “buon governo” e si sgonfia l’“antipolitica”. Si fa sempre più largo la pacificazione del conflitto negando l’intrinseca valenza politica di quest’ultimo. Si starà preparando la strada per un governo tecnico o simil-tecnico? Vedremo. Le tendenze sistemiche però sono evidenti. Nell’ultimo trimestre del 2019, le cinque aziende più grandi per capitalizzazione sono state Apple, Microsoft, Alphabet (cioè Google), Amazon, Facebook. C’è perfino un acronimo dedicato: GAFAM. Pur con dovute differenze, questi colossi multimiliardari condividono un modello di business che si basa sull’“allevamento delle persone” [«people farming» nell’originale]. Sembra qualcosa di meno altisonante del capitalismo della sorveglianza ma è molto più inquietante. Batterie intensive di miliardi di esseri umani seguono lucine, lasciano tracce ovunque, e in base a quelle tracce sono ricostruite “a ritroso” le loro abitudini, preferenze, opinioni. Le lucine che inseguivano prima sono ora modificate in modo più fedele alla ricostruzione, questi esseri sono ancora più attratti, e così via in ciclo verso il perfetto “stimolo” e il perfetto “profilo” di ogni persona. Gli apparati istituzionali e informativi tradizionali sono sempre più dipendenti sia economicamente che politicamente dai social network. Chi meglio di questi “cyberborboni” poteva somministrare feste e forca? Ci sono certamente cause dovute a una emorragia di vendite dei giornali stampati e a una crisi di credibilità della “classe” politica, per la quale «l’unica ragione del contendere è [diventata solo] l’amministrazione del potere». Temo però che con una lettura contingente ci perderemmo le derive sistemiche. A colpi di emergenze non si promette nulla di buono.

 
Read more...

from diorama

Bisognerebbe togliere la patente di voto a chi propone di togliere la patente di voto, in forza degli stessi argomenti propugnati da chi vorrebbe togliere la patente di voto.

  • I primi della lista a cui toglierla sarebbero tutti quei professoroni (quasi sempre maschi) che non riconoscono responsabilità sistemiche ma dalle loro cattedre sanzionano comportamenti poco avveduti di singole/i. È invece proprio individualizzando i problemi sociali che ci si allontana dalle soluzioni. La rinuncia più importante comincia da chi, godendo di una vista privilegiata su quelle cattedre, avrebbe più capacità per opporsi a questa “deriva sistemica” di un mondo sempre più complesso e noi sempre più imbecilli.

  • I secondi fanno parte della galassia del fact checking che fanno sfoggio della propria arguzia investigativa sui social estrattivi (people farming, capitalismo della sorveglianza) costruiti appositamente per far circolare false notizie sensazionalistiche e che attingono al pozzo nero dell’essere umano. Basta un solo fact checking per fargli cadere un castello di carte raziosuprematista foraggiato da gamificazione social, oppure – detta bene – dagli stessi rinforzi positivi azzardopatici per cui alle elezioni vincono partiti goebbelsiani.

  • E via via scorrendo nella lista troverete pure me che scrivo questo commento e che, in circolarità, vi rimando alle prime due righe.

Questi sono vari esempi di un “analfabetismo selettivo di comodo”. Chi ha gli strumenti per analizzare i problemi (e magari farci fare qualcosa verso una loro soluzione) preferisce invece consolidare proprie posizioni di potere. Troppo difficile tradire la propria classe di appartenenza.

Il mito del buon selvaggio nasceva per sfatare il mito del buon illuminato. Le blastature social vorrebbero farcelo rientrare dalla finestra.

Diciamo no all’“analfabetismo selettivo di classe”.

P.S. Mi ispiro a questo post. Le deprivazioni psicologiche sono un problema. La mancanza di cultura dell’empatia è un problema. MA parlarne nel contesto di patenti di voto ci allontana e non ci avvicina alle soluzioni, come dimostrano peraltro i commenti a quel post.

 
Read more...