isolateByoblu

informal Italian group for a safe/r fediverse: isolate social.byoblu.com!

Originally published here on Secrets of the Dark. Thanks for the opportunity!

IsolateByoblu is the Mastodon account of a group of marginalized people speaking out against a far-right Italian network called Byoblu, owned by journalist Claudio Messora. Its name stems from another account called IsolateGab, which was critical of a similar social network called Gab.

Secrets of the Dark: Can you explain what Byoblu is, for those who might not be familiar?

IsolateByoblu: Byoblu is an Italian Infowars-like conspiracist network owned by Claudio Messora, former agit-prop of the party “Movimento 5 Stelle,” currently the largest individual party in the Italian parliament. Byoblu is a publishing house and a television broadcaster, in addition to accounts on Vimeo, Facebook, and YouTube as [its] main outreach (currently a total of 170 million views and 0.5 million subscribers for 60 million people in Italy).

Byoblu finds its place in the anti-immigration, traditionalist, and nationalist scene. It platforms and amplifies trans/homo/queerphobic, sexist, racist, anti-Semitic, Islamophobic contents. These contents are conveyed as “alternative information” and [disguised as] neutrality, impartiality, and academicism, which is instrumentally far from Nazi-Fascist and far-right mannerisms to defy recognition by the broader audience.

Their Mastodon instance social.byoblu.com (whose admin is Messora) is a permaculture of fake news, conspiracy theories, or better conspiracy fantasies? – and pseudoscience, which serve to convey far-right “post-ideological” policies, and to divert societal criticism and just stances toward fake solutions.

SotD: In its FAQ, the network claims “Being free means being responsible. Extremist forms of thinking are prohibited: active moderation against racism, sexism, homophobia and any action prohibited by law.” Is this contrary to what kind of content the instance allows?

IB: The contents on the instance and the contents created by Byoblu aren’t explicitly contrary to their policy, but they work around the prohibitions by spreading conspiracy theories targeting an abstracted form of the very subjects they [claim] to protect.

For example: they don’t directly target queer people, but they uphold the existence of the “gender conspiracy,” where a secret plan by the United Nations spreads “homosexualist ideology,” as they aim to weaken the “Western civilization,” in order to make the population more manageable. From their point of view, queer persons therefore are – knowingly or not – allies to this conspiracy.

In another case, as they ban racist slurs, Byoblu accuses the migrant workers of being part of the “reserve army of labour,” guilty of driving down general wages. The concept comes from a wrong and conservative reading of Marx’s work that Marx himself debunked. Unsurprisingly this is the only page by Marx most red-browns ever read, and not even to the bottom, as his solution to the problem was an alliance between “local” and migrant workers, not to oppose each other.

This isn’t the only conspiracy theory they spread about migrant people. They are one of their favorite targets; see also the “Kalergi plan,” the “immigrationist plot,” and different shades of “Cultural Marxism.”

Eventually, we may add that banning actions prohibited by law isn’t by itself such a good protection to marginalized categories: many laws can be harmful, and many harmful action[s] aren’t illegal.

SotD: On his Facebook page, Claudio Messora seems to be making dubious claims about vaccines and COVID-19. Is this the type of thing he normally does?

IB: Byoblu presents itself as a platform for “alternative truths.” Hiding under the cloak of free speech they broadcast contents like Covid conspiracies and no-vaxx theories, which are their main source of spread and profit.

The fact that during the ongoing pandemic, thanks to COVID-19 pseudoscience, they jumped from being a niche YouTube channel towards being a television broadcaster, kind of speaks for itself. They crowdfunded money in the order of hundreds of thousands of Euros.

It is also the only broadcasting channel that covers pseudoscience, spreaders, and conspiracist politicians by mission. As Byoblu expanded its platforms, YouTube removed content related to conspiracy theories. Paradoxically this helped Byoblu to gain importance, becoming the main Italian carriers of conspiracy videos, gaining more spread and profits in the process.

SotD: Instances like this one often say that they are protecting “free speech” by allowing intolerance and toxic content. What are your thoughts on this kind of attitude?

IB: On platforms like Byoblu the concept of free speech is abused in order to justify the expression of hate, often targeting marginalized categories. This overly exhibited “freedom” doesn’t apply for those categories. How can persons be free, if the platform legitimizes attacking their very being?

Of course the problem isn’t just about a bunch of bad users; it’s the platform political design that is flawed: by allowing hate speech, in the name of freedom, they are in fact making a precise political choice. The ostensible refusal of taking a stance on the hate discourse is in itself [a] harmful position.

SotD: Do you think that the fediverse, overall, is a positive thing in spite of having conflicts with groups like this?

IB: All in all, the fediverse is still a positive place, because, as a decentralized, federated, and often self-managed platform, it offers the tools to isolate and limit those processes. Yet, self-management needs constant attention and direct help by the users base, hence more diffuse responsibility.

Being a free/libre open source software doesn’t automatically imply being impervious to harmful practices, or to exploitation by predatory companies; it’s up to communities to keep it clean from nefarious influences.

An important step for the fediverse would be to agree to a “minimum shared policy,” in order to establish a common base on what is considered acceptable from a federated instance.

Generally speaking we value the opportunity of self-determination the federated environment gives us as a great accomplishment, more than worthy of the self-managing efforts it requires from its [userbase].

SotD: What are some steps that admins and mods can take to handle hate speech and intolerance on their fediverse instances?

IB: We advocate for collective processes over administrative actions. Certainly, instance moderators can remove harmful content with their privileged buttons. However, we warn that these actions shall be supported by the broad community as much as possible, otherwise these actions might be misunderstood.

Taking stance against harmful content is often not enough since it is not just an issue of political content and positioning. An instance needs an empathic common ground to support each other, and continuous self-training to improve its resilience. We deem self-organization is the best way of doing this, taking into account experiments, errors, and mistakes.

SotD: Some far-right social networks have had members who carried out mass shootings and acts of terrorism. Do you think this is a potential problem on Byoblu and related sites?

IB: [Byoblu’s] editorial line is to broaden their audience [by] presenting their content with a post-ideological veneer of “neutral” “common sense,” and presenting themselves with an aura of scholar’s or journalist’s “respectability.” That line attracts supporters who are difficult to radicalize as terrorist[s], although the content that Byoblu spreads is often the same as other far-right networks that are breeding ground[s] for lone wolves. That may be a gateway through other conspiracy theories, which may open to radicalization beyond Byoblu because of recommendation algorithms.

Anyway, Byoblu propaganda is no less violent since they prepare the ground for acceptance of harmful content and policies, which in the end takes root in public discourse. There is also a less televised violence we should also consider.

SotD: Have you received much backlash since you started this account or started pursuing this line of attack against Byoblu?

IB: We actually have received no backlash. Provided that there is no such thing as 100% safety (as well as 100% security on the internet), we think our “safety first” approach has helped to recognize pitfalls in certain circumstances. We invite each other not to dismiss worries as “paranoia” (which is also incorrect from a psychological point of view), and to deepen together any concern.

We also add that many programs and instances in the fediverse do not track you by design, whereas people farming social networks do. For example, Facebook requires new users to upload phone numbers and/or identity documents. Since it is not possible to create collective or fictitious users, the program forces you to use a personal profile, which is a private data hotbed. That is a threat by design, irrespective to how an attacker can easily deploy technical tricks or social engineering.

SotD: How can the average person fight disinformation campaigns waged by groups like this, especially when there are many people that believe the false claims?

IB: As informal group[s] of people who met each other in the fediverse for the first time, we emphasize that organization is the key, and that collective effort can drive toward actual solutions.

This group effort for us started by self-training on the subject, then we shared with our community an analysis based on the collected information. Our objective is to urge the fediverse instances to take action against the spread of Byoblu propaganda. We see the fediverse as a place where the best way to keep the environment healthy is to involve the whole community. We hope for a place where the self-training effort, on every desired topic, is widely spread and the resulting information is mutually shared.

Get organized, get informed, and get (self)trained. And, above all: be wary, be safe!

Sul complottismo nel primitivismo anarchico

La galassia del primitivismo anarchico è variegata e farne un'analisi esauriente richiederebbe un lavoro complesso e paziente, lavoro urgente e necessario che spero venga affrontato presto, in quanto all'interno di questo movimento prendono forma teorie essenzialiste che – ad esempio – non si fanno scrupolo di etichettare come ridicole, superflue e persino nocive le istanze libertarie portate avanti da movimenti transfemministi e queer. Tuttavia in questa sede mi limiterò ad analizzare quanto scritto riguardo la pandemia in corso da Enrico Manicardi, esponente di punta del primitivismo anarchico italiano(1). Nel suo scritto Prove tecniche di soggezione della popolazione(2) Enrico Manicardi fa riferimento ad una sorta di complotto orchestrato dal “Potere Sanitario Mondiale”, massimo esponente della scientocrazia, complotto che risalirebbe già alla legge sull'obbligo vaccinale del 2017 e che trova il suo perfezionamento e completamento nella «messinscena mondiale della caccia alla “strega” coronavirus»(3). In questo breve ma denso scritto Manicardi nega non solo l'esistenza di un'emergenza sanitaria globale, ma persino la stessa esistenza dei virus («i cosiddetti virus non sono altro che scarti metabolici morti, sporcizia cellulare prodotta dal nostro stesso organismo»(4), e seguendo una teoria fantasiosa ripresa direttamente dal guru dell'igienismo Valdo Vaccaro – che nega, ad esempio, l'esistenza dell'HIV –, Enrico Manicardi spalanca negli ambienti anarchici e antagonisti la porta del complottismo più puro(5). A titolo di esempio sulla diffusione di tali teorie in ambito anarchico e antiautoritario, nella puntata della trasmissione Liberation Front, andata in onda mercoledì 11 marzo su Radio Blackout(6),all'alba dell'estensione della “zona rossa” a tutto il territorio italiano, Manicardi propone con infallibile sicurezza la teoria dell'inesistenza dei virus, e dunque della natura prettamente sperimentale delle misure messe in atto dai vari apparati statali e sanitari in Italia e nel mondo intero. Secondo quanto Manicardi sostiene nel suo articolo “Dagli stati di emergenza non si torna più indietro”, scritto che si apre direttamente con una citazione della deputata ex-M5S Sara Cunial, tali misure sarebbero unicamente volte ad un «condizionamento psicologico delle masse»(7), data l'inesistenza del virus e della malattia da esso causata. Fino ad uno scenario ancor più distopico in cui – con un paragone che definire stiracchiato è poco – ogni persona che pubblicamente metta in dubbio la gestione dell'emergenza sanitaria da parte delle autorità rischierebbe di fare la fine di Pinelli, perché «In Scientocrazia siamo tutti potenziali desaparecidos»(8).

La mia intenzione nel compilare questo breve riepilogo non è di schernire le idee complottiste di Enrico Manicardi, quanto di portare l'attenzione su un rischio concreto: che il complottismo si inflitri all'interno del variegato dialogo che il movimento anarchico include, disperdendo e smussando la nostra capacità critica e aprendo la porta all'informe parata di teorie del complotto che stanno fiorendo nel globale clima di sfiducia e confusione. L'operato dello stato in questa crisi necessita di una critica politica radicale, ma non certamente in chiave negazionista e complottista: abbiamo bisogno di lucidità per combatterlo, superando le contraddizioni che lo tengono in piedi con autentico spirito critico e libertario.

Enrico Manicardi ha scritto a due mani con John Zerzan, primitivista anarchico statunitense, Nostra nemica civiltà. Frammenti di resistenza anarchica alla civilizzazione (Mimesis, 2018), ed è spesso citato e invitato come relatore in area anarco-primitivista.

  1. https://www.enricomanicardi.it/prove-tecniche-di-soggezione-della-popolazione/

  2. Ibid.

  3. Ibid.

  4. https://www.enricomanicardi.it/i-virus-non-attaccano-nessuno/

  5. https://radioblackout.org/podcast/58078

  6. https://www.enricomanicardi.it/dagli-stati-di-emergenza

  7. Ibid.

ByoBlu nasce come video blog di Claudio Messora (precedentemente musicista, diventò blogger poco prima del disastro dell'Aquila, su cui fece un'inchiesta che lanciò il suo sito, fu responsabile della comunicazione per il gruppo del M5S al senato e al parlamento europeo) e nell'arco di 11 anni si trasforma in un complesso network di “informazione alternativa” che comprende un canale Youtube, una piattaforma web, e da poco anche una testata giornalistica virtuale, una casa editrice, un canale del digitale terreste e un proprio “pezzo” di social network. ByoBlu è un network basato sulla diffusione di “verità alternative” spesso a sfondo cospirazionista, strutture di potere reali a cui viene ingigantito il ruolo, inserito in narrazioni di respiro globale: come la teoria del piano Kalergi(1), la cosiddetta “teoria del gender”, spesso attribuita ad un piano occulto dell'ONU(2), oltre a riportare interventi di personaggi come Diego Fusaro, Elisabetta Frezza, Matteo D'Amico, Marcello Foa. Queste teorie e verità alternative individuano nelle minoranze, etniche o di genere, uno strumento dei gruppi di potere occulti per manipolare la società a loro vantaggio. Pare quasi superfluo far notare come tali teorie, mirando a generare discordia tra vari gruppi sociali già subalterni all'interno della nostra società, alla fine avvantaggino chi detiene un potere reale ed esplicito, come l'alta borghesia e le istituzioni cattoliche tradizionaliste. Gli effetti politici del momento in cui tali teorie assumono un peso consistente nella società, si sono potuti osservare nelle svolte reazionarie di vari stati nel mondo, l'esempio più emblematico è sicuramente la presidenza Trump negli Stati Uniti. I veri adepti delle teorie più estreme non sono numericamente tanti, ma riescono a creare un forte rumore di fondo, arrivando a convincere gruppi più ampi di alcuni aspetti della loro ideologia, e potenzialmente a sbilanciare a proprio favore una situazione in bilico(3). Cercando di astrarne un principio si può osservare che il naturale sbocco delle teorie complottiste è il rafforzamento delle forze politiche più reazionarie: se per loro l'alleato visibile dei poteri occulti sono persone migranti, razzializzate o LGBTQIA*, il voto dei complottisti non potrà che andare all'elite conservatrice. Attualmente i gruppi che in Italia fanno riferimento a ByoBlu sono tutt'altro che monolitici nelle intenzioni elettorali: se negli anni successivi alla formazione erano molto vicini al M5S, con il passare del tempo si sono spostati sempre più verso destra, adesso il principale partito di riferimento è FdI, seguito in misura minore dalla Lega di Salvini. ByoBlu come piattaforma è stata per diversi anni un attore piuttosto marginale nel panorama politico italiano: poteva vantare un solido nucleo di utenti, ma non era in grado di coinvolgere grandi numeri di persone. Questo è parzialmente cambiato con l'avvento della pandemia e del conseguente lockdown: un po' in tutto il mondo si è registrata una maggiore frequentazione di siti complottisti, il fenomeno ha avuto il suo apice negli Stati Uniti, ma anche qui in Italia, seppur in misura minore, Byoblu e i gruppi correlati hanno visto un corposo aumento sia della frequentazione sui loro spazi virtuali sia della circolazione delle loro teorie su altre piattaforme, come ad esempio i social network generalisti. Vi sono svariate indagini, sia di carattere psicologico che sociologico, sul perché questo fenomeno, finora sconosciuto su una scala così vasta, abbia scatenato la necessità di rifugiarsi in queste chiavi di interpretazione del mondo, che sono tanto inquietanti, quanto rassicuranti nella misura in cui attribuiscono un senso all'inconoscibile. Non è tuttavia il nostro ruolo analizzare la questione dal punto di vista delle scienze sociali. Vorremmo piuttosto mettere in guardia dai risvolti politici ad esso associati. Complice lo smodato ricorso delle istituzioni all'autoritarismo nell'implementazione delle prescrizioni di carattere medico, diverse realtà e individui di sinistra, anche extraparlamentare e antagonista, si sono ritrovate a condividere interpretazioni complottiste dell'attuale emergenza. Questo, dal punto di vista strettamente politico, è problematico per diversi motivi. Seguendo una fallace interpretazione della situazione si rompe l'unità dei gruppi di sinistra, proprio nel momento in cui, a causa degli aumentati poteri istituzionali, gli spazi sociali e le iniziative ad essi collegate sono sotto attacco da parte delle forze repressive, e il nostro margine di manovra è estremamente ridotto. Inoltre, entrando a far parte di un circuito informativo dove circolano teorie provenienti da gruppi di estrema destra, si apre la porta ad un lento ma inesorabile spostamento dell'assetto politico. All'interno di questo contesto non mancano gli opportunisti, alcuni rimasugli della sinistra istituzionale, mutati nel tempo in derive rosso-brune, sviluppano con ByoBlu e piattaforme simili un rapporto simbiotico: usano questi canali come camera di risonanza e allo stesso tempo portano i loro simpatizzanti in questi ambienti, contribuendo ad aumentare la massa degli stessi. In ultima analisi possiamo quindi affermare che ByoBlu sia una piattaforma veicolante idee utili alla repressione dei gruppi più interessati al progresso sociale, a dividere la sinistra dagli oppressi e a costruire consenso per le teorie dell'estrema destra. E forse il complotto dei complottisti? No, è semplicemente una macchina di propaganda.

Note

  1. Cfr. https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_complotto_del_piano_Kalergi

  2. Cfr. https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_gender

  3. Cfr. https://www.internazionale.it/reportage/wu-ming-1/2018/10/15/teorie-complotto-qanon

Qualche appunto sulle teorie del complotto e sul perché è necessario contrastarle.

Quando ci riferiamo alle teorie del complotto è necessario, innanzi tutto, definire l’oggetto di indagine, ciò di cui si sta parlando. Il dizionario Treccani alla voce complotto riporta: «cospirazione, congiura, intrigo ai danni delle autorità costituite». Negare che la storia sia piena di complotti è decisamente un’assurdità. I complotti esistono e sono sempre esistiti, basti ricordare la nota Congiura de’ i Pazzi del 1478 ai danni dei Medici, o la Congiura delle Polveri (1605) ai danni di Giacono I d’Inghilterra. In tempi più recenti, e focalizzando l’attenzione sul nostro paese, non possiamo non ricordare la tattica cospirativa che fu adottata durante i terribili anni della strategia della tensione, nonché, più nello specifico, la congiura ai danni degli anarchici in seguito all’attentato di Piazza Fontana del 1969. Cosa distingue, dunque, una teoria del complotto? Se i complotti sono sempre esistiti, cosa ci permettere di distinguere le teorie complottiste e, di conseguenza, dichiararle false e infondate? Le teorie complottiste si caratterizzano per alcuni tratti ricorrenti, alcuni di carattere epistemologico e altri invece di tipo più prettamente formale. Secondo lo studioso Michael Barkun(1) le teorie complottiste, da un punto di vista formale, presentano le seguenti caratteristiche: a) Nulla accade per caso: il mondo intero è basato sull’intenzionalità, il caso e l’arbitrio sono esclusi, b) Nulla è come sembra: l’apparenza è ingannevole e, in riferimento a singoli o gruppi, non esiste la presunzione d’innocenza, c) Ogni cosa è connessa: dato che tutto ciò che accade non accade mai per caso, tutto risponde a un piano e a un disegno. Una teoria del complotto dunque, per essere tale, deve sottintendere una visione del mondo sistemica e coerente, in cui ogni elemento può essere associato per analogia o connessione con altri elementi. Il mondo, in questo caso, diventerebbe un’enorme cabala che aspetta solo di essere decifrata. Da un punto di vista psicologico una teoria del complotto è sia terrificante che molto rassicurante. È terrificante perché pone il singolo di fronte a forze di potenza immane, difficili da controllare e che, potenzialmente, possono essere letali, ma è rassicurante perché permette una chiave d’accesso alla realtà. Se ogni cosa è calcolabile e l’arbitrarietà è eliminata il mondo acquista di significato; inoltre viene chiaramente identificato il male e ciò contro cui bisogna combattere, riproducendo una dinamica quasi mistico-religiosa che ripropone l’ancestrale lotta tra bene e male (e non è un caso che la teoria complottista più influente degli ultimi anni, ovvero QAnon, di cui parleremo tra poco, abbia assunto i tratti di una setta religiosa quasi millenarista). Alcune teorie complottiste sono oggettivamente inverosimili e improbabili, e spesso vengono smentite dai dati empirici e dall’applicazione del metodo scientifico. Eppure non smettono di prendere piede e, soprattutto, è quasi impossibile convincere chi crede a tali teorie a non credervi più. Questo perché, da un punto di vista epistemologico, una teoria del complotto è sempre abbastanza ampia e generica da non essere falsificabile, facendo uso della fallacia logica dell’argomentum ad ignorantiam secondo cui una proposizione viene dichiarata vera sulla base dell’ignoranza relativa alla proposizione in questione. Ad sempio: «non abbiamo abbastanza elementi per dire che A sia falso, quindi A è vero». Spesso i dati empirici a sostegno della teoria vengono presentati in maniera selettiva, cioè ignorando tutti i dati contrari, e si fa spesso appello all’argomentum ad popolum, ovvero: “se tanta gente ci crede, qualcosa di vero deve pur esserci”. Ancora, l’onere della prova viene spesso richiesto a chi critica una teoria, piuttosto che a chi la presenta, e spesso si incappa in veri e propri circoli viziosi secondo cui chiunque critichi una teoria complottista fa in realtà segretamente parte del complotto. Ciò fa sì che benché da un punto di vista strettamente epistemologico una teoria complottista sia molto debole, in realtà mostra una grandissima resistenza a critiche e ad attacchi. Il complottismo, d’altro canto, non è interessante da analizzare soltanto dal punto di vista formale ed epistemologico, ma soprattutto per i suoi risvolti pratici nella vita sociale dell’individuo e delle comunità. Una radice della credenza in teorie complottiste va ricercata non solo nella loro pseudo-forza argomentativa, ma anche in alcune considerazioni di carattere psicologico. In un mondo lacerato da crisi economiche, guerre, terrorismo, in cui si assiste alla spersonalizzazione dei processi economici e sociali che investo il singolo come una forza esterna, il soggetto sente perdere sempre più la propria agentività nel mondo e la propria capacità di incidere su di esso. Ed ecco che la necessità di trovare un senso, un ordine, il tentativo di spiegare dei fenomeni che vengono, giustamente, avvertiti come impossibili da controllare, può indurre al tentativo di creare una narrazione coerente in cui ogni cosa trovi il suo posto. Per questo motivo, benché le teorie complottiste siano sempre esistite, negli ultimi anni sono diventate decisamente più pervasive nel nostro quotidiano e in generale la società si è mostrata decisamente più permeabile ad esse, grazie anche all’aiuto di internet. A conferma del fatto che oggi le teorie complottiste stiano diventando sempre più dei fenomeni con delle ricadute nella vita off-line va considerato uno degli episodi più inquietanti che riguardano i legami tra complottismi e politica, ovvero il fenomeno QAnon. Nato, probabilmente come provocazione, su siti come 4chan e 8chan – vere e proprie roccaforti informatiche dell’alt-right americana – è uscito dall’underground della rete sfociando in vere e proprie manifestazioni pubbliche, avendo pesanti ripercussioni sulla politica statunitense, coinvolgendo di sfuggita persino Matteo Salvini che ha pubblicamente elogiato su Twitter la candidata repubblicana Lauren Boebert, la quale oltre a essersi rifiutata di chiudere il proprio ristorante per le misure anti-covid, ha anche detto che si augura che QAnon sia vero «perché significa che gli Stati Uniti stanno diventando più forti e le persone si stanno riavvicinando ai valori conservatori»(2). Ma cos’è QAnon? È una teoria complessa e difficile da riassumere, ma in estrema sintesi afferma che l’elezione di Donald Trump sia il risultato di una complicata azione militare volta a sconfiggere il deep state (cioè lo “Stato profondo”, ovvero le strutture dello Stato che operano in maniera nascosta e occulta) a guida democratica, composto da satanisti pedofili che torturano e uccidono bambini per succhiarne il sangue e garantirsi vita eterna. E per quanto assurda tutta questa teoria possa sembrare, ha un certo peso nel dibattito negli Stati Uniti e comincia ad avere delle ripercussioni anche da noi. Sostenitori della teoria se ne trovano anche in Italia(3) e la narrazione nostrana sostiene che Giuseppe Conte sia finanziato da Bill Gates e dai cinesi per instaurare una dittatura sanitaria, grazie ai decreti d’emergenza e l’installazione delle antenne 5G, gli unici che possono salvare il paese sono Donald Trump e Vladimir Putin. Al di là del carattere grottesco, alcuni seguaci della teoria erano presenti alla manifestazione no-mask del 5 settembre a Roma condividendo la piazza assieme agli anti-vaccinisti, negazionisti e, soprattutto, militanti di partiti di estrema destra(4). D’altronde non è inedito il rapporto tra complottismi e cultura reazionaria. Uno dei complotti più famosi di matrice anti-semita, quello cosiddetto dei Protocolli dei Savi Sion(5), fu ideato dall’Ochrana, la polizia segreta zarista, con l’intento di diffondere l’odio verso gli ebrei. Tale cospirazione, di matrice fraudolenta, ebbe conseguenze nefaste. Il bolscevismo fu ritenuto, nella propaganda fascista e nazista, il risultato di un complotto ebraico e i Protocolli furono ampiamente utilizzati per giustificare lo sterminio degli ebrei. Come abbiamo testé ricordato durante gli anni di piombo i complotti furono ampiamente utilizzati dalla peggiore cultura reazionaria italiana per diffondere odio verso la sinistra comunista e anarchica, e per trovare capri espiatori alle stragi di Stato. Ciò che è più grave, tuttavia, è che il complottismo distoglie dagli obiettivi reali e concreti delle lotte. Le teorie complottiste, a parte quelle davvero fantasiose, spesso prendono avvio da contraddizioni reali che vengono incanalate in contesti del tutto irreali e che, d’altro canto, rendono completamente inefficace qualsiasi pensiero critico razionalmente fondato. Inoltre, come abbiamo già detto, i complotti esistono e sempre sono esistiti, ma l’esistenza di teorie complottiste rende complesso e difficile denunciare i veri complotti (che spesso ricoprono un ruolo centrale nella storia del nostro paese, come l’insabbiamento delle indagini relativo ai fatti della Diaz o i legami tra esponenti della Democrazia Cristiana e la mafia di Totò Riina all’interno della cosiddetta trattativa Stato-Mafia). Combattere il complottismo, dunque, non significa soltanto smontare teorie strampalate (spesso dall’ambiguo contenuto politico), bensì significa riaffermare la piena libertà del pensiero critico, la capacità di muoversi tra le contraddizioni del presente, sapere individuare correttamente i propri nemici e i propri obiettivi, significa, insomma, combattere per una libertà reale e concreta, e non nascosta nell’ombra.

Note

(1) Cfr. M. Barkun, A culture of conspiracy – Apocalyptic Visions in Contemporary America, University of California Press, 2003.

(2) Cfr. https://valigiablu.it/qanon-teoria-del-complotto-trump/

(3) Cfr. https://qanon.it

(4) Cfr. https://www.ilpost.it/2020/09/05/roma-no-mask-coronavirus/

(5) Cfr. https://www.ilpost.it/2019/01/22/protocolli-savi-sion/