diorama

[Hugo Gameiro, admin of MastoHost, invited isolateByoblu for suggestions about MastoHost Terms of Service, which recently changed. We propose our suggestions here too, with the aim to open a discussion among MastoHost users and the broader fediverse inhabitants. We agreed not to publish the current post on isolateByoblu blog [i] since the SocialByoblu instance shut down [ii] and we look forward to broading the scope of our analyses beyond the fediverse.]

MastoHost ToS change (preview)

«[...] MastoHost Terms of Service [ToS] has made a leap forward since [their recent update], [0] and de‑platforming Byoblu [1] contributed to make the fediverse a better place. We hope you do not mind if we are late to suggest the following points as improvements for the ToS.

1. We collected the information [about Byoblu] along our six‑month long (at that time) initiative in the fediverse, but we knew from the very beginning SocialByoblu was against MastoHost terms of service. Yet, we found too late that MastoHost hosted SocialByoblu, and our lack of knowledge prevented us to take action in better time. Instance policies should contain a reference that the given instance is hosted by MastoHost, and that the instance complies to MastoHost ToS. That is, in turn, similar to what you write in the ToS about OVH. To us, it is a small measure with a significant impact. [adde: see P.S.]

2. The utmost part of the Italophone fediverse de‑federated SocialByoblu on sight. However, it happened that toots from the blocking instance arrived to the blocked one. To us, that was inexplicable until we realized that one instance in particular – the predatory MastodonUno run by the owner of a web 2.0 company [adde: link is mine], which by chance is also hosted by you – still federated SocialByoblu. Our humble technical understanding is that toots are somehow copied when they are boosted. In a three‑instance case scenario where one instance is blocking another and a third instance federates with both, an account in the middle instance and followed by any account of the blocked instance can boost a toot in the blocking instance making it visible to the blocked one. The phenomenon might not be new for you. Anyway, we link to our isolateByoblu FAQ with a self‑explanatory picture. [2] One could argue that public toots are public, hence one cannot expect safety (ActivityPub is flawed in that regard) if the cordon sanitaire around the de‑federated instance is not observed by every previously‑federating instance. Nevertheless, we deem there is a huge difference between I)one logs out on purpose and directly reads public toots on the blocking instance, and II)all the accounts of the blocked instance automatically receive the boosted toot directly in their home or federated timeline. In the second case, people's toots are exposed against the timeline of the whole user base on the blocked instance, and that draws a much greater number of unsolicited attentions than the first case. Also, the de‑federation might mislead a safety self‑assessment, where perception is the key. Since a technical solution to this problem is yet to come, we suggest to broaden the unacceptable content proviso towards the pods federated by your guest instances. That way, one could expect the users of the guest instance will stay alert. A non‑compulsory block list might be shared among guest instances as an extra‑policy solution.

3. We finally bring to your attention two cases which might lead to further clarify the unacceptable contents in the ToS. 3a. We are writing an article about a Byoblu guest claiming that UN steers an “homosexual agenda” [3] against the “traditional [heterosexual] family”. Her lines of argument roughly follows the ones contained in the Russian federal law “for the Purpose of Protecting Children from Information Advocating for a Denial of Traditional Family Values”, a.k.a. the “gay propaganda law”. [4] The Byoblu guest plays the victim card, arguing that the “myth of the oppressed minority” (!) serves as hegemonic tactics to impose a fringe point of view to the whole society. In a way, the guest claims there exists a “reverse discrimination” [5] against heterosexual families. We found similar thinking by masculist (MRA) pods about “sexism against men”. In light of these examples, how is the “reverse discrimination” considered according to MastoHost ToS? 3b. The debate about “conspiracy theories” is open. We would like to point out that conspiracies have always existed. Here two articles of anti‑conspiracist media: a liberal‑leaning point of view [6] and an extra‑parliamentary left‑wing one. [7] In particular, the latter distinguishes “factually substantiated conspiracy theories” – i.e. theories about actual conspiracies – from “conspiracy speculation” or “conspiracy fantasy”. Therefore, is MastoHost against any conspiracy theory or just the unsubstantiated one? (i.e. conspiracy fantasies)

We would really like to read your opinion about our feedback. Take care, isolateByoblu – 19th May 2021»

P.S.: Gameiro noted that «it would be good practice for admins to disclose where they host their servers [but] some admins may have privacy or security valid reasons to not want to disclose that information». We consider this a strong argument against making disclosure compulsory as per ToS. However, if people experience unacceptable contents by a guest service (admins, mods, or users), the host and the people will act as if there exists no hosting ToS at all since: people do not know who hosts the guest instance (and that the instance shall comply to the hosting ToS); and the host does not know about the content. They can only report to the instance admin, but what if that admin is complicit in the unacceptable content? Or the admin themself promotes contents/gatherings around the unacceptable topics? Instead of a compulsory visibility of MastoHost ToS, a moral suasion could put the safety and the privacy together. Something along the following line: «I invite you to make visible in your instance policy that the MastoHost terms of service hold too. If any issue about MastoHost visibility on your policy arises, then you are encouraged to reach me privately. I will keep the communication with strict confidentiality». This way, the privacy/security reasons are kept confidential or even unknown by the host. At the same time, the host knows anybody will make more efforts to report ToS violations for the given guest instance.

[i] Blog by isolateByoblu: https://qua.name/isolateByoblu [ii] Toot by isolateByoblu (post is TBA): https://mastodon.social/@isolatebyoblu/107099727580087708 14/10/2021 [0] Hugo Gameiro, New changes to the Terms of Service and Privacy Policy, MastoHost https://masto.host/new-changes-to-the-terms-of-service-and-privacy-policy/ 6/11/2020 [1] isolateByoblu, RIGHT WING. Youtube shuts down Byoblu: our viewpoint, https://qua.name/isolatebyoblu/youtube-shuts-down-byoblu-our-viewpoint 1/6/2021 [2] isolateByoblu, #isolateByoblu FAQ: If you de-federate their instance, why should we de-federate them too?, Lattuga Git Repository, https://git.lattuga.net/isolateByoblu/isolateByoblu/wiki/%5Ben%5D+FAQ#q-if-you-de-federate-their-instance-why-should-we-de-federate-them-too-arent-you-safe-enough-yet 11/8/2020 [3] Various authors, Homosexual agenda, English-language Wikipedia, https://en.wikipedia.org/wiki/Homosexual_agenda [4] Various authors, Russian gay propaganda law, English-language Wikipedia, https://en.wikipedia.org/wiki/Russian_gay_propaganda_law [5] Various authors, Reverse discrimination, English-language Wikipedia, https://en.wikipedia.org/wiki/Reverse_discrimination [6] Des Freedman, In defence of (some) conspiracy theory, openDemocracy, https://www.opendemocracy.net/en/opendemocracyuk/in-defence-of-conspiracy-theory/ 17/08/2018 [7] Florian Cramer and Wu Ming 1, Blank Space QAnon. On the Success of a Conspiracy Fantasy as a Collective Text Interpretation Game, giap https://www.wumingfoundation.com/giap/blank-space-qanon/ 30/10/2020 (revised)

⚠️ UPDATED INTRO

[So what's all the fuss after @filippodb:mozilla.org has been removed from Funkwhale maintainers' channel? And why did FunkwhaleIt change the name of its social accounts into “Funkcast & Musicwhale”? Here I present my biased, ''partisan'' warning for developers and users of federated communication software, based on XMPP, ActivityPub, OStatus & other protocols. The current post is the result on many discussions across the fediverse.]

Brandjacking, content plagarism such as non-attributed translations, [Figure 1] and other predatory strategies have become the routine in the Italian-speaking fediverse since Diggita came into play with its outpost instances (Vorfeldstrukturen).

The Diggita background

MastodonUno admin impersonates MastoHost admin as his toot were the former's idea instead of a change of policy by the latter. Figure 1: MastodonUno admin impersonates MastoHost admin as his toot were the former's idea instead of a change of policy by the latter.

Diggita is a web 2.0 company that has based its core business in “translating” the work of Digg and Menéame. To clarify, the company brandjacks Digg logo [Figure 2] and copy-paste a SEO translation of an interview with Menéame founder in Diggita privacy policy. [Figure 3]

Comparison between reconstructions of the Digg logo on the left, and two Diggita logos on the right. Fair use. Figure 2: comparison between reconstructions of the Digg logo on the left, and two Diggita logos on the right. Fair use.

Diggita privacy policy. Italian translation of interview with Menéame founder is highlighted. Fair use. Figure 3: Diggita privacy policy. Italian translation of interview with Menéame founder is highlighted. Link here. Fair use.

Diggita started to adopt every free/libre federated software branding the instances «${name-of-the-software} Italia», [Figure 4] which is a formula that might actually induce people in Italy/speaking Italian to believe they are the Italian federated chapter of International organizations. That prevents the proliferation of instances and steers centralization, which is harmful for the fediverse as federation.

Figure 4: default follows on MastodonUno (Diggita fediverse flagship instance) are all the brandjacked instances currently implemented by Diggita founder (=MastodonUno admin) and his no-profit Devol techbros. Let us call it the “Diggitaverse”.

The FunkwhaleIt case

The ambiguity has even held for crowdfunding e.g. with FunkwhaleIt and PeertubeUno. (“it” is the Italian top-level domain; “uno” means «one», but it can be understood as «only» or «first» too.)

Again, we face with Mobilizon yet another brandjacking by these well-known actors. Instead of the case with Peertube, Framasoft finally takes a public stance. [N.B. backstory comment: When I translate Mobilizon landing pages and follow the reasons behind the development of Mobilizon and other federated software, I recognize that stance in line with Framasoft goals and as an important step for the future of the fediverse and the federating protocols. Without that public toot, I might have assumed Framasoft indifferent to the topic. (cf. again the PeertubeUno case)]

Figure 5: Framasoft clarifies that there exists no “official” Mobilizon or Peertube instance (not even Framasoft's) after MobilizonIt acted in a way to impersonate Mobilizon developers in a crowdfunding context. Fair use.

It is possible to contrast with clear guidelines the impact of brandjacking and other predatory strategies in the fediverse, as Funkwhale demonstrated. Funkwhale adopted logo and identity guidelines preventing third parties to «suggest or imply that you are affiliated with Funkwhale in any way, or create confusion as to whether or not you are affiliated with Funkwhale in any way».

Funkwhale collective invites to block FunkwhaleIt pod and its official Mastodon account. Figure 6: Funkwhale collective (which promotes the Funkwhale project) invites to block FunkwhaleIt pod and its official Mastodon account. According to the collective, the official account of the pod was spreading misinformation about the project, and the funding of the collective in particular; they published hostile posts concerning some members of the Funkwhale collective; they acted in a way that suggests impersonation of the Funkwhale collective or at least creates confusion. Berriot's courtesy.

Of course that was not enough to stop FunkwhaleIt to use Funkwhale assets in the favicon, header, and other pictures, yet it was considered as a key document to support public awareness and action. Indeed, that made nervous FunkwhaleIt, which undermined the credibility of the Funkwhale inventor, misgendering her, talking about «abandonment» and «resignation», double-speaking to doubt her health problems behind the step back, and mocking the «heartfelt call» instead of standing in solidarity with her.

FunkwhaleIt bites the hand that feeds them, misgendering Funkwhale founder and downplaying her importance. Fair use. Figure 7: FunkwhaleIt bites the hand that feeds them, misgendering Funkwhale founder and downplaying her importance. Fair use.

⚠️ UPDATE n.1

A recent destabilisation attempt by FunkwhaleIt here, flattering the “new team of Funkwhale developers who displaced the [male] resigned founder”, with the aim to downplay the relevance of the founder (again misgendering her) and to isolate her from the collective. That demonstrates again FunkwhaleIt does not know how the Funkwhale project works.

Divide et impera tactics by FunkwhaleIt to avoid criticism. Fair use. Figure 8: Divide et impera tactics by FunkwhaleIt to avoid criticism. On one hand, the new developing team is flattered; on the other hand, the old main developer is belittled. Fair use.

⚠️ UPDATE n.2

It ended up that not only FunkwhaleIt brandjacks Funkwhale and violates Funkwhale software identity guidelines. The FunkwhaleIt post in [cf. Figure 8] about the “announcement” of version 1.2 and 1.3 is simply not true, and contained information of a draft of the official Funkwhale blogpost which was only shared in the Funkwhale maintainers' chat. A “leak”, so to say. As a result, the Matrix account @filippodb:mozilla.org owned by Diggita founder, MastodonUno admin, and Devol “face” has been removed. Moreover, FunkwhaleIt account on MastodonUno has been requested to remove the “announcement” and to remove their statement that they represent the “Italian Funkwhale community”. [Figure 9]

Misleading wordings by FunkwhaleIt and use of Funkwhale identity. Misleading wordings by FunkwhaleIt and use of Funkwhale identity. Figure 9: misleading wordings by FunkwhaleIt (blue emphasis) and use of Funkwhale identity (red emphasis). This is a peculiar anti-fediverse behavior. 9a and 9b: “old” and “new” – respectively – FunkwhaleIt account metadata on MastodonUno. Translation: “Funkwhale.it is an independent project run by the community of Italian enthusiasts of funkwhale.audio, which let you listen to and share music and podcasts”. 9c: FunkwhaleIt instance home page. Their use of the definite article - the/[dal]la or l'/la/die - vs. the indefinite - a(n)/una or un'/une/eine – suggests official affiliations or that they are the sole chapter of the Italian area/language. Fair use.

Eventually, FunkwhaleIt social accounts have been renamed Funkcast & Musicwhale, and would no longer give technical assistance or information about Funkwhale development. [Figure 10] I do not honestly understand why the Funkwhale collective did not request a change in FunkwhaleIt instance name too. [cf. Figure 9c, 10]

FunkwhaleIt announces they will not give assistance or information about Funkwhale development. Fair use. Figure 10: FunkwhaleIt announces they will not give assistance or information about Funkwhale development. Link here. Fair use.

To me, what FunkwhaleIt did is a sop, something just to make somebody happy while doing quite nothing. All in all, I deem people who deal with the Diggitaverse should be informed about what happened and happens. That is the kind of information should deserve to be delivered by the Funkwhale collective itself as one of the involved parts and as trustworthy body to speak about the matter.

Conclusion

The little story above should warn developers and instances in the fediverse against predatory strategies, which are detrimental for a broader adoption of federated software and nodes, steering forward a “feudiverse” model. (cit., from feud, fief) As usual, de-federation and de-platforming are cost-effective actions to face that kind of behaviors, which may additionally be discouraged in covenants, e.g. the Mastodon Server Covenant on joinmastodon.org.

EDIT: + sotto “L'ISTANZA È DI CHI L'ABITA”

[Il #collettivo di gestione #bida rifiuta la partecipazione senza #webcam a un'#assemblea nemmeno gestionale. La webcam è sempre stata un elemento estraneo alle relazioni che abbiamo costruito qui e fuori l'istanza. Nel p.s. di questo commento [⚠ AGGIORNAMENTO: commento rimosso e non più raggiungibile, si trova in calce a questo post] troverete vari perché. Qui sotto trascrivo il rifiuto alla partecipazione del collettivo, che è bene sia pubblico. Sta all'assemblea dell'istanza di bida e alle altre istanze valutare se di “ostruzionismo” si tratti e se riconoscere questi metodi affini all'autogestione di un'istanza.]

Risposta del collettivo Bida

Ciao Diorama, ne abbiamo parlato,

se ogni cosa deve diventare motivo di divisione e conflitto per bloccare o mettere in difficoltà un intero percorso, che di ostacoli ne ha dovuti superare già molti e ce la sta mettendo tutta per riprendere, non ci stiamo. Sappiamo che non è necessaria una webcam per creare spazi di aggregazione sociale e azione politica. Ma pensiamo che, per il tipo di percorso che stiamo portando avanti in queste assemblee, invece lo sia. Come abbiamo detto piú volte, queste assemblee online di Bida vogliono ricalcare il piú possibile le assemblee d'istanza, che sono incontri di persona e (pandemia permettendo) continueranno a esserlo. Questo è l'unico motivo per cui chiediamo una presentazione in webcam di chi partecipa. Le differenze sull'istanza sono molte, ma abbiamo bisogno di creare fiducia su mastodon.Bida con chi è interessatə a coltivarla, e per noi incontrarsi come persone in carne ed ossa, seppur mediate da uno schermo, è un punto di partenza fondamentale nella creazione di questa fiducia. Se questo non è accettato, o bisogna usarlo per fare ostruzionismo, non ci stiamo, non lo accettiamo più da nessunə, da nessuna direzione. Come si diceva, non pretendiamo l'universalità. Ben vengano altre visioni e altri percorsi. Non si tratta di rifiutare nessunə, ma di scegliere alcuni criteri sostenibili per il progetto. Chi si fida di noi sa che per qualsiasi necessità proviamo a individuare soluzioni.

Inoltre come collettivo riteniamo di avere anche noi diritto ai nostri spazi di autonomia. In una situazione come questa non c'è molta possibilità di mediazione per noi: o tuttə partecipano con la webcam, oppure no. L'ipotesi che ognunə faccia come si sente non è un compromesso che possiamo accettare. Abbiamo il bisogno di vederci in faccia, di confrontarci umanamente, oltre la tastiera e l'icona di un avatar.

Ci vediamo stasera con chi ci sarà

Il collettivo Bida

⚠ AGGIORNAMENTO: qua sotto il testo non più reperibile qui

L’ISTANZA È DI CHI L’ABITA

Considerazioni a seguito del bilancio sui 3 anni dell’istanza mastodon.bida.im redatto dal collettivo di gestione (lo trovate qui) e della proto assemblea del 9/04 sul Jitsi di Bida.

Cara fauna più o meno umana che popola l’istanza Bida e il fediverso in genere, chi scrive è una bestia a tre teste che ha vari account su Bida, alcuni sin dagli albori, e lasciati pressoché inattivi. Dopo un lungo anno di pandemia, il conseguente aumento della permanenza online, e a seguito di quelli che sembrano primi passi per uscire dalle sabbie mobili, abbiamo deciso di intraprendere la strada del “commentarius” ragionato per tentare di dare un contributo pubblico e più strutturato possibile, fuori dall’ipertrofia di toot, stelline e boost.

Vorremmo concentrare maggiormente le nostre osservazioni su due punti: carattere locale/globale dell’istanza e autogestione.

UN’ISTANZA GLOCALE?

Al servizio dei movimenti bolognesi?

L’istanza social di Bida nasce con l’auspicio di «attecchire» tra i movimenti e le realtà bolognesi. Questo non è avvenuto, come viene riconosciuto nel paragrafo del bilancio “Cosa è successo davvero”.

Il collettivo Bida rinnova la “preoccupazione” fondativa e caratterizzante dell’istanza riguardo le «ancora tante, troppe persone che si affidano esclusivamente a social network commerciali per portare avanti le loro rivendicazioni, e in generale il capitalismo della sorveglianza. continua a imperare in contesti politici che fanno dell’anticapitalismo una delle loro bandiere». I motivi del mancato raggiungimento di uno dei principali obiettivi iniziali andrebbero ricercati assieme con più attenzione in assemblea.

Account attivi dimezzati

Aiuterebbe leggere lo storico degli account totali (ricordando che gli account non sono persone) e di quelli “attivi”, cioè con almeno un accesso settimanale. Gli account “attivi” si sono dimezzati in un anno, passando da 1800 (inizio maggio 2020, media a 30 giorni) a 900 (metà aprile 2021, media a 30 giorni). Sarebbe un dato in controtendenza rispetto all’aumento diffuso dell’uso dei social network a causa della pandemia. Questo dato si potrebbe prestare a varie interpretazioni. Non c’è stato un pari aumento di interazioni sulle istanze sorelle Nebbia Fail (50 accessi settimanali), Mastodon Cisti (100 accessi settimanali) o Stereodon Social (100 accessi settimanali) né nuove istanze antagoniste italofone sono state create. Ci sentiamo di escludere migrazioni verso altre istanze federate.

Questi dati sono liberamente accessibili su ogni pagina principale d’istanza: dominioistanza.org/about

Una timeline bolognese?

Una persona che approda su Mastodon troverà in Bida l’istanza italofona antagonista tra le più grandi del fediverso, cioè quello che ad oggi è diventata, anche facendo la tara ai numeri: venti volte Mastodon Cisti (la seconda per numero di account), l’unica che appare nel portale ufficiale e nella comunicazione di massa.

Servono strategie di comunicazione plurali e coordinate fra le varie istanze. All’aumentare degli account aumentano i toot, rendendo la timeline locale di Mastodon Bida più “vivace” delle altre istanze antagoniste.

La timeline locale di Mastodon Bida non ha mai dato l’impressione di avere un carattere locale. Il carattere locale si perde ulteriormente se questa è riempita di newsbot e spambot non strettamente locali: una cosa è il Berneri, Zapruder, Zeroincondott* o “le mirabolanti avventure di Lepore assessore alla fantasia”, altra è newsbot di organizzazioni italiane-internazionali o lo spam generico. Potremmo pensare a un’istanza newsbot/spambot italofona a parte e gestita dalle istanze antagoniste.

Timeline condivisa?

Per superare il problema dell’accumulazione di toot nella timeline di un’unica istanza, potremmo puntare sulla condivisione delle timeline locali in aggiunta alla timeline strettamente locale. Una sorta di timeline “subversiva”. Ci sono varie possibilità tecniche: per quanto ne sappiamo il collettivo Bida ci sta lavorando, mentre Todon è riuscita a condividere due timeline (di todon.nl e di todon.eu, ma non sappiamo se in sostituzione della timeline unica).

Forse avrebbe avuto senso tenere un’istanza a invito, oppure a richiesta da esaminare come per policy di todon.eu, qualora si avesse voluto renderla uno strumento delle realtà che insistono su un territorio. Se l’istanza è aperta alle iscrizioni di chiunque, gioco-forza che la località si perda.

Account attivi oltre Bologna

Per chi non è al momento in una città che ha la sua istanza, il carattere globale di Bida è un valore aggiunto. Mentre l’“attecchimento” tra i movimenti bolognesi non funzionava, sull’istanza sono arrivate persone da ogni parte del mondo, e non solo italofone.

L’istanza sarebbe potuta essere locale per provenienza, ma le “cose” discusse anche solo da bolognesə hanno quasi sempre avuto una dimensione globale e chi non era di Bologna vi ha contribuito, senza farsi remore se quello che stava facendo fosse o no a vantaggio dell’antagonismo bolognese: l’ha fatto perché lo riteneva dovuto, in un momento di risacca dove ci si dà una mano ovunque si possa.

Aiutiamoli a istanza loro?

Siamo convinte che la proliferazione di istanze a livello locale sia un orizzonte verso il quale dirigere gli sforzi. A tal proposito la possibilità di workshop che servano a diffondere le competenze tecniche è sicuramente preziosa. Allo stesso tempo pensiamo però che, se la realtà locale non esiste, non abbia molto senso un percorso che sa un po’ di “aiutiamoli a istanza loro”: se “non si ha un territorio” saranno micro istanze o personali? 1 utente = 1 istanza ha senso? Vorremmo scardinare il paradigma urbanocentrico per il quale la partecipazione politica è possibile solo in grandi centri urbani, con la banda larga, informatica sviluppata, università e realtà antagoniste già strutturate. “Mettere avanti nella discussione il prendere coscienza dei propri posizionamenti nella società” dovrebbe essere un punto fermo anche nell’autorganizzazione fra istanze, fra abitanti del fediverso in genere, invece di abbandonarsi all’improvvisazione.

Online e offline

Cogliamo l’opportunità di affrontare comunque certe tematiche anche se non ci si può incontrare: la vita offline è la sola vita vera? e quella online è finta? Durante una pandemia che ci ha tolto ogni spazio lasciando briciole di socialità solo se si hanno parenti nello stesso comune, questa distinzione tra online e offline ha ancora lo stesso peso? E chi da sempre fa una vita migrante?

Chiariamo ancora: una delle teste che scrive, approfittando di un buco nei blocchi tra regioni, ha messo a disposizione casa sua per un incontro informale aperto a chiunque volesse partecipare, prima di averne mai visto le facce.

L’aspirazione a uscire dal solo virtuale per diventare verə e creare spazi reali di condivisione se non anche di resistenza è sempre presente, e deve esserlo. Ma non possiamo fingere di non essere in un momento storico che lo rende estremamente difficile, e che, come dicevamo, per persone che non vivono in grandi centri, gli spazi anche solo virtuali rappresentano comunque una risorsa preziosa.

Quale ruolo per autogestione.social?

Se gli assembramenti tipo “AFA” sono percorsi paralleli alle libere autodeterminazioni di singol* abitanti e istanze, e che non si sostituiscono alle assemblee di gestione, a cosa potrebbe servire https://autogestione.social?

Alcun_ del collettivo Bida interpretano https://autogestione.social come uno spazio di discussione dedicato ai collettivi di gestione delle singole istanze. Chi non è nei collettivi è fuori, ma se sei amministratore unico di un’istanza ritenuta “autogestita” sei dentro.

Serve una proposta di autorganizzazione per https://autogestione.social, in cui chi abita le istanze partecipi o con gli interessi di ciascuna singola istanza di provenienza – cioè su “mandato” della propria assemblea di gestione – oppure convocando congiuntamente le assemblee di gestione e ragionando come abitanti del fediverso.

Ciascuna assemblea di gestione delle istanze autogestite si dovrebbe porre esplicitamente questa domanda.

Non possiamo fondere in un’unica matrice le comunità e le individualità che si sono insediate su ciascuna istanza, costringendole a condividere i progetti di un gruppo di gestione senza possibilità di autoconvocare un’assemblea. Questo non solo sarebbe quanto di più lontano dall’autogestione, ma sarebbe anche a detrimento dei progetti del gruppo di gestione di presentare la relativa istanza come una possibile piattaforma per i movimenti.

SI FA PRESTO A DIRE AUTOGESTIONE

Fin dalle nostre prime interazioni sull’istanza, abbiamo seguito la stella polare contenuta nel “Manifesto del gruppo di gestione del Nodo Mastodon Bida.im”: «il coinvolgimento di tutt* i/le compagn* anche nella gestione di una infrastruttura informatica […] di cui siamo in controllo e il cui funzionamento possiamo decidere collettivamente».

Il nostro percorso lo testimonia, e questo testo non ne è che una tappa.

Utenti o abitanti?

Quando il collettivo di gestione parla di autogestione nei comunicati di lancio e seguenti, intende autogestione del server o autogestione dell’istanza? Perché nel primo caso chi non è nel collettivo è solo utente e quindi “chiede di interagire” ed usa un servizio, nel secondo caso chi non è nel collettivo ha lo stesso peso (non le stesse chiavi tecniche) ed è responsabile di uno spazio che è anche suo. La questione “interagire” è impressa nelle nostre teste perché abbiamo in mente Facebook o Twitter. Per chi non usa social è inconcepibile in un contesto autogestito che le admin diano la direzione politica all’istanza. Questo avviene se non c’è un modo chiaro e trasparente in cui le abitantə possano incidere sull’indirizzo politico, proponendo assemblee che possano, nel caso, intervenire sia su policy e manifesto, che su tutti gli aspetti che concernono la vita sull’istanza, inclusa la revoca dei ruoli di singol_ admin.

Assemblea

La richiesta di maggiore partecipazione (trasparenza inclusa), intesa come inclusività e coinvolgimento degli abitanti dell’istanza, andrebbe forse guardata sotto una luce diversa: senza frequenti assemblee di gestione il collettivo assume un ruolo più che gestionale, come è di fatto accaduto nell’ultimo anno dato che non c’è stata assemblea di istanza dal febbraio 2020. Ruolo gestionale che l’assemblea di gestione gli “af-fida”, ma non è una fiducia in bianco: senza frequenti assemblee e contrappesi, questa assunzione di ruolo avrebbe sempre di più i contorni di una delega, non voluta, che nei fatti ostacolerebbe l’autodeterminazione dell’assemblea. Non aver previsto meccanismi di autoconvocazione per l’assemblea fa sì che sia il collettivo a doverla indire, e se non lo fa su richiesta degli abitanti ciò può diventare un anestetizzare il conflitto, che però non sfuma, al contrario si cristallizza e costringe chi è fuori dal collettivo a frantumare questa cristallizzazione.

Assembleae

Le proposte di assembleae poi sfociata negli assembramenti su Mumble aperti a chiunque e che venerdì 16/04/21 hanno visto il 4° incontro, sono state proprio questo: la forma presa dalla volontà di frantumare le barriere che non hanno permesso di arrivare ad un confronto necessario. Queste teste che scrivono sono fra quelle che iniziarono a chiedere che un’assemblea di istanza di Bida venisse fatta già nella primavera 2020 con comunicazioni sia sulla mailing list socialbida che sull’istanza https://mastodon.bida.im. Comunicazioni che non trovarono riscontro. A quel punto, abbiamo deciso di occupare quello spazio che «ci è sfuggito [e] che non abbiamo ancora elaborato [t]ra scelte individuali e decisioni collettive» (qui, vedi anche paragrafo “Non solo trolling”).

Canali di comunicazione ufficiali

Il semplice aprire a una scrittura più partecipata dei comunicati SENZA chiamare l’assemblea non risolve il problema a monte. Il fatto che i contributi di chi ha usato la mailing list o i pad siano stati letti sembra più una prassi da customer service. (“ascoltare i propri utenti”, cit.)

Ricordiamo che la possibilità di assemblea in remoto è prevista in policy in due punti: «assemblee periodiche su irc» e «assemblea virtuale permanente” :D». Se il canale IRC è rimasto come punto copiato per errore dalla policy di Indymedia, l’assemblea permanente si riferisce alla mailing list pensata come spazio dell’assemblea di gestione che “traghettasse” l’istanza fra un’assemblea in carne e un’altra. Questo non è successo.

Abbiamo provato a praticare la lista [Socialbida] come «”assemblea virtuale permanente” :D» (esatta cit. policy) quando ancora questa strada era teoricamente percorribile e ancora da esplorare. Abbiamo verificato che questo strumento non fosse tenuto in considerazione per una consuetudine non solo del collettivo di gestione, ma dell’intera istanza. A tal proposito forse la proposta di avere un toot #avviso di @admin che informi l’istanza dell’esistenza della mailing list dovrebbe essere accolta. Abbiamo anche esplorato possibilità di autoconvocazione dell’assemblea di gestione, andate a vuoto nel silenzio del collettivo. Non rimane che il collettivo chiami l’assemblea d’istanza nei tempi e nei modi riconosciuti.

Canali di comunicazione informali

La mancanza di riscontro seguendo i canali ufficiali portò noi, ed altre, a tentare comunque un percorso che aveva, ed ha, lo scopo primario di migliorare la vita e la comunicazione sull’istanza stessa. Percorso mosso dalla semplice volontà di parlarne comunque, sull’istanza/e, nelle mailing list, agli incontri su mumble e persino nel nuovo videocitofono messo a disposizione dal collettivo Bida.

Lo strumento

Perché non ci basta parlarne su mastodon? Sia perché ci è stato fatto notare che si rischia di mostrare sull’istanza solo le negatività che vediamo, sia perché mastodon non è adatto alle discussioni, non è facile seguirle dato che basta un lucchetto o blocco per perderne pezzi, e non è facile intercettarle perché non esiste una vera possibilità di ricerca. Il caos informativo dei subtoot/subboost è escludente perché non permette di seguire una discussione contorta se non impegnando la propria saccoccia di privilegio (tempo a disposizione, capacità tecnica, …) nel ritrovarne il flusso e ripercorrerne le diramazioni.

Usare altri strumenti e luoghi virtuali non può esser visto come deleterio, quanto piuttosto un tentativo di non subire le dinamiche che lo strumento mastodon impone, ma usare gli strumenti che vogliamo/abbiamo/sperimentiamo per influire sulle dinamiche delle possibili, probabili, auspicabili comunità oltre lo strumento.

Stiamo facendo una cosa sperimentale in un momento inedito. Se questo non ci convince, basterebbero a rasserenarci le implicazioni politiche delle gerarchie tecniche fra noi: un collettivo di gestione ha in mano le chiavi della baracca e può premere il tasto “eject” in qualsiasi momento se ha motivi fondati di credere in una compromissione del progetto. La “fiducia” utenza-amministrazione sta anche in questo.

Delegittimazione

Finché non viene premuto il tasto eject ogni abitante ha il diritto di contribuire al discorso pubblico d’istanza. Tuttavia, quando è stato fatto, ci si è sentite chiedere una sorta di pédigrée rivoluzionario. Abbiamo sentito una sorta di pressione a dimostrare cosa si è fatto altrove. Ci siamo sentite delegittimate, le nostre parole sono state declassate a marginali facendo leva sul numero di boost/stelline/interazioni che avevano generato, paragonate agli “apprezzamenti” ricevuti da posizioni critiche rispetto alle nostre. Ma allora la gamification ci piace? Non va bene per pompare l’ego sulle foto di gattini ma la usiamo per delegittimare il discorso politico altrui? Sventoliamo followers e interazioni strumentalmente al discorso che vogliamo venga selezionato all’attenzione dell’istanza? Non è autogestione: è una “social/democrazia” con meno garanzie perfino del voto borghese.

Non solo trolling

Perché si iniziò a chiedere di assemblearsi? Non per un problema di trolling, ma perché sempre più persone avevano lamentato malessere causato da dinamiche su istanza/e.

Non nutrire il troll è pratica sempre valida, ma il problema non era, e non è, la semplice gestione del troll, il problema era, ed è, che si crea sull’istanza, in momenti e circostanze diverse, un clima che fa star male le persone, e lo abbiamo visto succedere. Se succede bisogna far qualcosa, se vogliamo essere abitanti solidali. Fregarcene, perché magari siamo fortunati ed impermeabili, è da stronzə. Se non lo avete visto succedere, forse non ci avete prestato abbastanza attenzione, forse eravate presə da altro.

A più riprese è stato fatto notare che certe dinamiche non sono nate con i social, ma sono dinamiche tipiche delle interazioni umane, che i social rendono “solo” più gonfiate, quindi non ci si può fare niente.

Diciamolo, i social sono una merda. Gamification, FOMO, pornografia emotiva e voyerismo, egocentrismo, Comunicazione Merdata da Computer, equivoci, problemi di privacy: questi problemi li hanno tutti, nessun social si salva. O, forse, eliminare la visibilità di numero di followers, boost e stelline potrebbe aiutare ad uscire da alcune delle dinamiche dello strumento?

Chiariamo che la richiesta di non impiegare troppe energie sui temi negativi, per averne da dedicare alle cose positive, ci trova d’accordo. Ci si occupa di cose brutte solo se necessario, per difendere le cose belle.

Se invece si intende una sorta di “non è bene parlare di certe cose” allora non siamo d’accordo. Recepiamo male gli inviti a non parlare del problema delle relazioni in istanza: sono per noi la base sulla quale costruire alternative anche nella vita offline.

Soluzioni individuali o collettive?

Siamo qui, su un’istanza che prova a fare un social “altro” e a combattere il capitalismo. E finché stiamo qui vogliamo provare a fare qualcosa. “Non c’è niente da fare” non esiste. Il “far qualcosa” che intendiamo per mantenere un clima di aiuto (anziché di disagio) in istanza non va appiattito e liquidato con semplificazioni come “combattere i troll”. Non va neppure ridotto alla sola posizione “difensiva”, il sistema di block/mute che ognuna può usare per mantenere lo spazio che frequenta adatto alle proprie esigenze è un sistema applicabile solo individualmente. Abbiamo visto casi in cui “il troll” era stato bloccato da molte, ma non da tutte, e chi si è ritrovatə ad esser trollatə ha vissuto una spiacevole sensazione di isolamento.

Per questo la spinta verso il concetto di “autoformazione relazionale” è sempre stata presente nelle intenzioni di chi scrive, e di chi ha portato avanti le discussioni che hanno preso forma in vari canali, da matrix alla mailing list fediverso fino agli assembramenti interistanza ospitati sul server Mumble farma.cisti.

“Catastrofe climatica”?

Ci siamo sentite accusare di peggiorare il clima sull’istanza per il voler parlare di certe cose. Come se sottolineare le criticità fosse un modo per impedire la fruizione tranquilla e rilassata del servizio offerto. Cercare il confronto, anche il conflitto, irrita ma postare meme no? Ne vogliamo prendere atto e dare per scontato che non ci sia un modo diverso?

Il problema politico non è mai stato che la progettualità di un collettivo di gestione potesse eccedere quella dell’istanza, il problema – per il collettivo di gestione – è stato quello speculare: che le varie progettualità di chi frequenta le istanze, con forme e metodi criticabilissimi, potessero eccedere quella di un collettivo di gestione, che siano nello stesso verso o meno. Se una persona ultima arrivata con un account creato da poco ha meno peso – a prescindere da quello che viene sostenuto – rispetto a chi vanta decenni di militanza o migliaia di seguaci abbiamo perso in partenza. Questo è un peso che abbiamo avvertito, di nuovo.

È stato chiesto il curriculum politico a chi sostenesse certe posizioni (“a te chi ti ha mai visto?!”), si è andato a scavare nei «trascorsi» (cit.), quei trascorsi sono stati esposti sulla pubblica piazza al solo fine di distorcerli e minare la credibilità della persona dietro l’account.

Conflitto o panni sporchi?

Forse questo scritto sembrerà una sorta di lunga recriminazione su eventi passati, ma siamo convinte che i primi passi per uscire dalle sabbie mobili possano essere meno traballanti se diamo una forma comprensibile alle sabbie mobili. Aver scoperto, da abitanti dell’istanza impegnatə nel tentare modi e strade per affrontare problemi e conflitti, che gli assembramenti sono stati tra i punti che hanno portato al conflitto tra membri del collettivo (tanto da portare alcuni ad allontanarsene!), è stato surreale. Mentre sull’istanza ci veniva fatto notare, con appunti sul numero di interazioni ricevute, che erano tentativi destinati al fallimento o già «naufragati», all’interno del collettivo se ne discuteva animatamente. Beh, non crediamo fossero panni sporchi da lavare in seno al collettivo, ma argomenti da portare a conoscenza di chi sull’istanza ci vive.

Il fatto che l’attuale composizione del collettivo, cambiata subito prima della redazione del bilancio, mostri un’attenzione e interesse per il percorso che @AFA cerca di portare avanti, tanto da spingere alla partecipazione, non basta, non c’è bisogno di una sorta di approvazione del percorso, c’è bisogno che lə abitanti siano liberə di autodeterminarsi, di autogestirsi.

P.S.: METTIAMO A FUOCO GLI OBIETTIVI

Una postilla sulle assemblee in video.

Quale inclusione da remoto

Se l’istanza è di fatto non locale la previsione di assemblee da remoto può essere strumento di inclusione. Se la webcam diventa un punto fermo escludi persone, come in fisica per chi non può muoversi. La differenza è che solo un’assemblea crossmediale (sia da vicino che da remoto) può accorciare le distanze per chi non può muoversi, con la necessità di superare l’assemblea in fisica.

Quale esclusione con webcam

Al di là dei problemi tecnici di connessioni ballerine e dati insufficienti, le ragioni di spegnere la webcam sono molteplici. Possono essere private, politiche, culturali… Si costringono compagnə a fare i conti con le proprie inquietudini, come peraltro è successo nella scorsa assemblea. L’opt-out del «Se ci sono criticità particolari possiamo discuterle caso per caso» è una beffa per quelle persone che non partecipano a causa di questo prerequisito.

Il passo in più va fatto altrove

È sembrato paradossale che fra cura della privacy, descrizioni a immagini per ipovedenti e content warning da contatto visivo, ci siamo sentitə obbligatə a scoprirci come prerequisito alla partecipazione. Quale autogestione fra pari sarebbe? La pressione sociale nell’accendere la webcam è un modo approssimato per orientarsi fra abitanti di un’istanza che di fatto il collettivo di gestione non conosce.

Siamo consce che i movimenti sono bersaglio di infiltrazioni, anche molto critiche. Inoltre la facilità di accesso da remoto porta con sé una maggiore permeabilità ad elementi di disturbo. Piuttosto, il necessario passo in più per riconoscersi a vicenda in un percorso politico va fatto altrove, ricercando affinità su iniziative e temi specifici. Questo passo non può limitarsi né esser ricondotto ad un banale vedersi in faccia.

Quale modello di relazioni

Abbiamo da sempre praticato un modello alternativo, di pari abitanti d’istanza che si riconoscono vicendevolmente nella cura degli spazi che attraversano. In questo riconoscersi si potrà coltivare una fiducia anche di sguardi (per chi può/vuole/se la sente), ma dando tempo alle relazioni di maturare in mutuo consenso e non rinchiuderci nella performance da videochiamata.

Senza webcam si può

Senza webcam abbiamo piantato semi ovunque, scritto libri insieme, contro(in)formato, imparato tantissimo, intralciato fascisti e simili, autofinanziato l’istanza. Ci siamo supportat* a vicenda nei momenti giù come possibile, nelle difficoltà abbiamo espresso e ricevuto solidarietà anche economica. La scorsa assemblea di Mastodon Bida è stata la prima volta nel vedersi, un elemento estraneo alle relazioni che abbiamo coltivato, e che, di fatto, è stato imposto come prerequisito alla partecipazione.

[C'è una burla, fatta circolare da certi mascalzoni, secondo cui vada messo l'accento su do e su fa per distinguerli dalle note do e fa. In realtà questo si è ritenuto necessario solo per dà/da (verbo/preposizione) e sì/si (avverbio/pronome o congiunzione) perché molto più spesso possono creare confusione. Per intenderci: difficilmente troverete in giro un dialogo come quello qui sotto, creato apposta per l'occasione... così ci si potrà sì cantarsela, ma non suonarsela da sòl.]

Aldo: Da quand'è che non fa maggiore? Baldo: Da un fa fa A.: Fa' un minore, allora! Cataldo: Un fa? A.: No, là! C.: Quindi la? A.: No, qui, do! B.: Sennò settima. A.: Maggiore B.: Sì. A.: No! B.: Ma come no?! C.: Sarebbe quarta aumentata... A.: Quale? B.: Quel là? A.: No, quella! B.: Ma quale quella?! C.: Quella là! Quel fa! B.: Ma no! Dicevo sì, nel senso di sì! C.: Ah! A.: Davvero? Hah! C.: Ma no!... B.: Provo... 'Un fa! A.: Ma come non fa? B.: 'Un fa! Se 'un fa, “'un fa” vi dico! C.: Mado'. B.: Sì, un do. A.: Eh no, tu da'! C.: Già! Non sono re! B.: Ma che avete capito? È un do! A.: Ah, ecco! Che si fa? B.: Si chiama C.: ...Ma'?! (voce fuori campo) Sì? C.: Chiama René! (voce fuori campo) Che c'è? C.: Qui non fa. (voce fuori campo) Ma come? L'ha accordato due dì fa! A.: Signora, non è fa, è l'accordo di do. (voce fuori campo) Col didò fa il mestiere?! Non ci posso pensa'. A.: Ma no didò, di do! Che ha capito?! B.: E poi li anticipiamo noi. (voce fuori campo) Ah, come minimo! Sennò ci spendo un rene, lì. A.: Haha, seno. C.: Ehi, bada tu! Né re né regina si permettono così, hai capito? A.: Scusa. B.: D'accordo. C.: Quale accordo? B.: ...Non re, il do. A.: Ha ragione. In tutti i casi. C.: Un casino. B.: Era meglio chiamarla ut! C.: A finale! (in coro) LAAAA

[fonte: mia mail del 26/06/2020 in lista [Socialbida], mail di risposta di unə admin del 17/07/2020]
[Può sembrare un passaggio di poco conto. Per me è un passaggio chiave. Vedi sotto.]

[2020-06-26] «Ciao compx, in vista della prossima assemblea (quando? così una persona può organizzarsi) [N.B. da marzo-maggio 2020 avevo cominciato a chiedere quando si sarebbe fatta un'assemblea d'istanza] vorrei appuntarmi in maniera più strutturata alcune cose lasciate in sospeso o che sono emerse nel frattempo. Per il momento l'ho fatto in maniera caotica con i segnalibri, ma mi rendo conto che mi ci sto perdendo.

Prima di fare passi avanti, mi chiedo:
– se anche voi (e in particolare il gruppo di gestione) prendete appunti;
– se li prendete, cosa usate: solo cervello, segnalibri, carta e penna, lavagne, post-it, note sul cellulare;
– se condividete questi appunti e con quali mezzi: per iscritto o a voce, mandando messaggi o chiacchierando, eccetera.

Chiedo pure esplicitamente se ci sono possibili veti a strutturare questi appunti: anche solo mettere la penna sul foglio oppure per qualcosa di più sofisticato.»

[2020-07-17][risposta di unə admin di allora] «teniamo traccia delle questioni su pad su riseup o cisti o quando siamo particolarmente intelligenti usando file editabili [sul cloud interno al collettivo]»

[Ho chiesto esplicitamente se ci fossero dei veti particolari nell'appuntarsi le questioni che via via emergevano nel discorso d'istanza e che meritavano – e meritano ancora – di essere discusse nell'assemblea di gestione. Alcunə compagnə si sono poi lamentatə che ripescavo le loro interazioni pubbliche per chiedere conto di quello che sostenessero. Non si sono volute prendere la responsabilità delle loro interazioni pubbliche. “Posso mai ricordarmi un toot di quando chessò ero ubriaco?”... Ho suscitato risposte del genere e ho rispettato la scelta.
Successivamente sono stato anche bloccato.
L'autogestione a queste condizioni è una sfida.]

[fonte: mie mail del 02,08/05/2020 in lista [Socialbida]]
[La frase è una citazione esatta al Manifesto del gruppo di gestione del Nodo Mastodon Bida.im, paragrafo “Premessa”, terzo capoverso]

[2020-05-02] «Sto cercando di interpretare al meglio che posso quando si scrive che si vuole “il coinvolgimento di tutt* i/le compagn* anche nella gestione di una infrastruttura informatica” “di cui siamo in controllo e il cui funzionamento possiamo decidere collettivamente”. Sono del parere che per chi può il coinvolgimento non si attende ma si cerca, e che la libertà di ciascun* derivi dalla responsabilità di tutt*. [...] Nel frattempo mi chiedo e chiedo: [...] come interpretate il “coinvolgimento” che è scritto in policy?»
[2020-05-08] «come intendete il “coinvolgimento” [...] in quest’istanza? come pensate di superare la dicotomia ospiti-partecipi? lo chiedo a tutte le persone iscritte a questa lista, in particolare a chi qui lurka e scrive sull’istanza»

[DISCLAIMER: Questo e altri post che verranno fanno parte di una serie di piccoli scritti sul fediverso autogestito. Sono appunti che ho lasciato qua e là, fra il microblogging e le mailing list. Metto in parentesi quadre note di redazione, correzioni e pensieri successivi.]

[fonte: qui, 08/02/2020]

«Ciao e grazie per il pad [sul modello di relazioni in rete vogliamo per noi stesse]! Vorrei un mondo giusto, libero, lieto. Per costruirlo bisogna partire dai fondamentali. Questo non si fa con la bacchetta magica. È un conflitto totale, tutto in salita.
Voglio che le stesse relazioni specchino quella concezione di mondo. Il problema è che scontiamo rapporti di potere millenari che il capitalismo rivoluziona, amplifica, accelera, votandoli al consumo e alla distruzione. Abbiamo poco tempo perché il conto che pagheremo non si distribuisca in maniera ineguale, ma mettiamoci già nell'ottica che dovremo adattarci a una catastrofe che non possiamo del tutto impedire. Abbattere il capitalismo potrebbe non bastare per scongiurare l'estinzione. Saremo all'altezza?
È tessendo queste relazioni che voglio creare un'agorà politica di emancipazione (in carne e in sìlico) che abbia ricadute concrete e trasformi il reale (in carne e in sìlico). La lingua italiana, per quanto importante, è solo uno strumento. La vicinanza fisica, per quanto importante, è anch'essa solo uno strumento.
Sono su questa istanza per i motivi che ha scritto [la compagna in P.S.]. (grazie!) Sull'istanza, l'autogestione del conflitto fra relazioni tenderebbe in teoria verso l'emancipazione, nella direzione di scardinare quei rapporti di potere millenari. Nella pratica, la comunità o il collettivo dell'istanza mastodon.bida.im non esiste. C'è una pluralità di singol*, comunità, collettivi ma siamo ben lontaneui dall'autocoscienza collettiva e dall'autodeterminazione di regole condivise. Si vedono più dinamiche da utenti (e, per delega non voluta, da admin) che da abitanti solidali e determinatx. Questo impedisce al momento una pratica collettiva di risoluzione dei problemi.
Secondo me bisognerebbe che l'assemblea fisica dia l'impulso per aprire una discussione su cosa sia la collettività dell'istanza prima di tutto, e poi darsi delle pratiche concrete di risoluzione dei problemi in base a quella.»

[P.S.: «La relazioni che cerco in rete sono di prossimità con chi ha interessi a me affini, per avere “link” con progetti, conoscenze, persone che altrimenti non avrei modo di incrociare, per rimanere informata su controculture e movimento, per condividere esperienze e saperi fuori da logiche autoritarie e produttivo-capitalistiche. Tendezialmente cerco un luogo dove si possa imparare.»]

Sorvegliare e Punire 4.0: ragioni

(pubblicato per la prima volta il 12 febbraio 2019 e riproposto qui.)

Mondo, 17 marzo 2018. Scoppia il caso Cambridge Analytica, definita un “arsenale di armi per la guerra culturale”, [0] società che profilava e analizzava i dati di 87 milioni di utenti (più della popolazione nello Stivale) per condizionare le elezioni politiche quali ad esempio la campagna presidenziale di Donald Trump e l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea (Brexit). Francia, 16 ottobre 2018. Le forze dell’ordine irrompono a casa di Jean-Luc Mélénchon, fondatore de La France Insoumise, e in varie sedi della stessa e del Parti de Gauche. Sequestrati telefoni e computer anche della segretario generale di LFI Clémence Guetté, di diversi collaboratori e assistenti parlamentari. Tutte le informazioni non criptate (password, messaggi, documenti sensibili) sono in mano a guardie e magistrati. [1] Italia, 1 dicembre 2018. Entra in vigore il DL 113/2018 [2][3] che, tra le varie, introduce la possibilità di intercettazioni anche telematiche nel caso di occupazioni di terreni o edifici ad opera di più di cinque persone. Non è inverosimile che molti di noi siano intercettati perché indagati o hanno contatti telematici di qualsiasi tipo con indagati. [4]

Diceva un compagno che quello che è successo sulla catena di montaggio in un secolo, in ambito informatico è accaduto in 10 anni. In modo inconsapevole, ogni giorno diamo in pasto le nostre innumerevoli tracce a questi satrapi elettronici, gli occhi e le orecchie dell'industria 4.0 (Google, Facebook, Amazon, etc.), ciò che sulla Terra più si avvicina al concetto di “divinità onniscienti”. Non si tratta solo dei nostri computer o dei nostri telefoni, ma anche di quelli altrui e di strumenti molto al di sopra delle possibilità del singolo, in mano a governi, servizi segreti o multinazionali. Volti, voci, pensieri, impronte, spostamenti, relazioni, anagrafiche e documenti... Tutto contribuisce a una schedatura quanto più vicina alla corrispondenza persona-dati (e metadati) che lasciamo in giro.

Potremmo prenderci il lusso di non farci domande solo se fossimo persone a cui tutto sommato va bene sguazzare in questo sistema, col feticcio della legalità, con un disciplinamento psicologico (e politico) che rasenta l’obbedienza cadaverica all’ordine costituito. Poiché questo non siamo, anche la più piccola mela rubata per fame deve impegnarci a cogliere questo frutto della conoscenza informatica, saldamente in mano ai padroni. Bisogna fare un ragionamento insieme su come opporci a questa “Repressione 4.0”. Contro di noi si può scatenare la repressione più precisa e scientifica possibile, una repressione artificiale ma intelligente, costruita a misura di noi stessi perché impara da come noi stessi siamo in base alle tracce che lasciamo. Stiamo continuamente allenando il predatore perfetto contro noi stessi, il nostro doppelgänger.

Esistono delle avanguardie informatiche che tentano di opporsi a questo sistema e hanno messo a punto strumenti di difesa per fronteggiarlo; è però noto che hanno comunque difficoltà a rendere popolari questi strumenti, a fare in modo che anche la compagna o il compagno meno avvezzi alla tecnologia abbiano almeno piccoli spazi di agibilità politica. L’accesso agli strumenti di difesa è possibile oggi solo a chi ha una formazione accademica o una spigliatezza fuori dal comune, ma anche queste compagne e questi compagni sono vulnerabili. In un mondo di “uomini di vetro” che “non hanno nulla da nascondere” [5] si vede subito quando una persona prova a nascondere qualcosa, per necessità o per volontà, di fatto autodenunciandosi. È fondamentale ricorrere – in maniera strutturale, a livello di organizzazione – al “mutualismo informatico”, avvicinandoci in maniera interessata ma critica a questi strumenti, in modo da saperne discernere pro e contro, prima di tutto per difendersi ma anche in futuro per attaccare.

Quando il capitalismo era ancora in fase espansiva e lo stato borghese-sociale distribuiva una piccola quota dei profitti per tenerci a bada, la repressione era proporzionata al livello di conflitto nella società. Oggi, dove agli sfruttati e agli oppressi non arrivano nemmeno le briciole, non c’è più proporzione che tenga. La tutela dell’“innocente fino a prova contraria” in realtà vale solo per le accuse di peculato, falso in bilancio, malversazione... ma non vale per la delinquenza proletaria o sottoproletaria. Anche per le azioni politiche dei compagni scompare il garantismo: si tratta di più di 15.000 denunce e di 800 arresti fra gli attivisti politici dal 2011 a metà 2017. [6] Stiamo perdendo per strada persone, energie, soldi. Finisce in carcere la meglio gioventù e settori politicizzabili del blocco sociale. Per noi, nemmeno le dimostrazioni nelle aule dei tribunali sono garantite. Nemmeno più i capi d’accusa sono formulati, ma semplici suggestioni diventano facilmente disposizioni extra-processo: fine repressione mai. [7] Questo è capitato per esempio a ex-combattenti YPG/YPJ per cui la procura di Torino richiede la sorveglianza speciale. [8] Vi svelerò un segreto di Pulcinella: esistono già le tecnologie al computer per creare castelli accusatori più solidi e personalizzarli su larga scala.

Non è possibile che la generosità dei compagni sia ripagata senza uno straccio di tutela e senza educarli all’autotutela, che siano mandati al macello, subendo la repressione alle manifestazioni o nei luoghi di lavoro, alla mercé delle guardie, della postale, dei giudici e dei secondini, dei media. L’apparato repressivo va rifiutato in blocco e all’occasione bisogna imparare a diventare “anguille” [9] per sfuggire alle sue reti. [nota 26/02/2020: altro che sardine!] Per questo, bisogna incaricarsi anche della controformazione capillare sugli strumenti di difesa – che siano essi fisici o virtuali, legali o mediatici – al fine di raggiungere una sovranità politica, artefici davvero del nostro avvenire. [...]

(pubblicato per la prima volta il 12 febbraio 2019 e riproposto qui.)

Mondo, 17 marzo 2018. Scoppia il caso Cambridge Analytica, definita un “arsenale di armi per la guerra culturale”, [0] società che profilava e analizzava i dati di 87 milioni di utenti (più della popolazione nello Stivale) per condizionare le elezioni politiche quali ad esempio la campagna presidenziale di Donald Trump e l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea (Brexit). Francia, 16 ottobre 2018. Le forze dell’ordine irrompono a casa di Jean-Luc Mélénchon, fondatore de La France Insoumise, e in varie sedi della stessa e del Parti de Gauche. Sequestrati telefoni e computer anche della segretario generale di LFI Clémence Guetté, di diversi collaboratori e assistenti parlamentari. Tutte le informazioni non criptate (password, messaggi, documenti sensibili) sono in mano a guardie e magistrati. [1] Italia, 1 dicembre 2018. Entra in vigore il DL 113/2018 [2][3] che, tra le varie, introduce la possibilità di intercettazioni anche telematiche nel caso di occupazioni di terreni o edifici ad opera di più di cinque persone. Non è inverosimile che molti di noi siano intercettati perché indagati o hanno contatti telematici di qualsiasi tipo con indagati. [4]

Diceva un compagno che quello che è successo sulla catena di montaggio in un secolo, in ambito informatico è accaduto in 10 anni. In modo inconsapevole, ogni giorno diamo in pasto le nostre innumerevoli tracce a questi satrapi elettronici, gli occhi e le orecchie dell'industria 4.0 (Google, Facebook, Amazon, etc.), ciò che sulla Terra più si avvicina al concetto di “divinità onniscienti”. Non si tratta solo dei nostri computer o dei nostri telefoni, ma anche di quelli altrui e di strumenti molto al di sopra delle possibilità del singolo, in mano a governi, servizi segreti o multinazionali. Volti, voci, pensieri, impronte, spostamenti, relazioni, anagrafiche e documenti... Tutto contribuisce a una schedatura quanto più vicina alla corrispondenza persona-dati (e metadati) che lasciamo in giro.

Potremmo prenderci il lusso di non farci domande solo se fossimo persone a cui tutto sommato va bene sguazzare in questo sistema, col feticcio della legalità, con un disciplinamento psicologico (e politico) che rasenta l’obbedienza cadaverica all’ordine costituito. Poiché questo non siamo, anche la più piccola mela rubata per fame deve impegnarci a cogliere questo frutto della conoscenza informatica, saldamente in mano ai padroni. Bisogna fare un ragionamento insieme su come opporci a questa “Repressione 4.0”. Contro di noi si può scatenare la repressione più precisa e scientifica possibile, una repressione artificiale ma intelligente, costruita a misura di noi stessi perché impara da come noi stessi siamo in base alle tracce che lasciamo. Stiamo continuamente allenando il predatore perfetto contro noi stessi, il nostro doppelgänger.

Esistono delle avanguardie informatiche che tentano di opporsi a questo sistema e hanno messo a punto strumenti di difesa per fronteggiarlo; è però noto che hanno comunque difficoltà a rendere popolari questi strumenti, a fare in modo che anche la compagna o il compagno meno avvezzi alla tecnologia abbiano almeno piccoli spazi di agibilità politica. L’accesso agli strumenti di difesa è possibile oggi solo a chi ha una formazione accademica o una spigliatezza fuori dal comune, ma anche queste compagne e questi compagni sono vulnerabili. In un mondo di “uomini di vetro” che “non hanno nulla da nascondere” [5] si vede subito quando una persona prova a nascondere qualcosa, per necessità o per volontà, di fatto autodenunciandosi. È fondamentale ricorrere – in maniera strutturale, a livello di organizzazione – al “mutualismo informatico”, avvicinandoci in maniera interessata ma critica a questi strumenti, in modo da saperne discernere pro e contro, prima di tutto per difendersi ma anche in futuro per attaccare.

Quando il capitalismo era ancora in fase espansiva e lo stato borghese-sociale distribuiva una piccola quota dei profitti per tenerci a bada, la repressione era proporzionata al livello di conflitto nella società. Oggi, dove agli sfruttati e agli oppressi non arrivano nemmeno le briciole, non c’è più proporzione che tenga. La tutela dell’“innocente fino a prova contraria” in realtà vale solo per le accuse di peculato, falso in bilancio, malversazione... ma non vale per la delinquenza proletaria o sottoproletaria. Anche per le azioni politiche dei compagni scompare il garantismo: si tratta di più di 15.000 denunce e di 800 arresti fra gli attivisti politici dal 2011 a metà 2017. [6] Stiamo perdendo per strada persone, energie, soldi. Finisce in carcere la meglio gioventù e settori politicizzabili del blocco sociale. Per noi, nemmeno le dimostrazioni nelle aule dei tribunali sono garantite. Nemmeno più i capi d’accusa sono formulati, ma semplici suggestioni diventano facilmente disposizioni extra-processo: fine repressione mai. [7] Questo è capitato per esempio a ex-combattenti YPG/YPJ per cui la procura di Torino richiede la sorveglianza speciale. [8] Vi svelerò un segreto di Pulcinella: esistono già le tecnologie al computer per creare castelli accusatori più solidi e personalizzarli su larga scala.

Non è possibile che la generosità dei compagni sia ripagata senza uno straccio di tutela e senza educarli all’autotutela, che siano mandati al macello, subendo la repressione alle manifestazioni o nei luoghi di lavoro, alla mercé delle guardie, della postale, dei giudici e dei secondini, dei media. L’apparato repressivo va rifiutato in blocco e all’occasione bisogna imparare a diventare “anguille” [9] per sfuggire alle sue reti. [nota 26/02/2020: altro che sardine!] Per questo, bisogna incaricarsi anche della controformazione capillare sugli strumenti di difesa – che siano essi fisici o virtuali, legali o mediatici – al fine di raggiungere una sovranità politica, artefici davvero del nostro avvenire. [...]

(pubblicato il 27 febbraio 2020 su un precedente blog. Non aspettatevi dotti riferimenti a Foucault.)

carro alien facebook düsseldorf Didascalia: Carro di carnevale con Alien-Facebook e il suo carico di HETZE, HAϟϟ (odio, scritto con le rune delle SS), RADIKALISIERUNG (radicalizzazione) che avanza per le strade di Düsseldorf. La giustizia prova ad acchiapparlo per la coda ma nun glia fa. Credits: @ggg@mastodon.bida.im

Instradare una guerra di classe sempre più cruenta — e rigorosamente dall’alto — verso l’anestetizzazione del conflitto (Movimento 5 Stelle) o la simulazione della guerra dei poveri ai più poveri (Lega) non è stato facile. Come non è facile candidarsi a gestire la trasformazione tecnologica del sistema produttivo per quegli epigoni post-comunisti e post-democristiani che ruotano intorno al Partito Democratico. Preferisco tenermi lontano dalle “analisi di fase”: data la complessità sistemica, queste “analisi” dovrebbero essere frutto di intelligenze collettive e non di singoli commentatori (quasi sempre maschi). Osservo solo che gli effetti di “formule magiche” degli 80 euro, del “reddito” di “cittadinanza” e della quota 100 svaniscono troppo in fretta. Dalle tre F borboniche “Feste, Farina e Forca” pare sia scomparsa la farina sotto il paradigma multipartisan dell’austerità (sì, vale pure per la Lega: sono rimaste solo le feste e la forca da somministrare. Ritornano (anche se di misura) le ipotesi di “buon governo” e si sgonfia l’“antipolitica”. Si fa sempre più largo la pacificazione del conflitto negando l’intrinseca valenza politica di quest’ultimo. Si starà preparando la strada per un governo tecnico o simil-tecnico? Vedremo. Le tendenze sistemiche però sono evidenti. Nell’ultimo trimestre del 2019, le cinque aziende più grandi per capitalizzazione sono state Apple, Microsoft, Alphabet (cioè Google), Amazon, Facebook. C’è perfino un acronimo dedicato: GAFAM. Pur con dovute differenze, questi colossi multimiliardari condividono un modello di business che si basa sull’“allevamento delle persone” [«people farming» nell’originale]. Sembra qualcosa di meno altisonante del capitalismo della sorveglianza ma è molto più inquietante. Batterie intensive di miliardi di esseri umani seguono lucine, lasciano tracce ovunque, e in base a quelle tracce sono ricostruite “a ritroso” le loro abitudini, preferenze, opinioni. Le lucine che inseguivano prima sono ora modificate in modo più fedele alla ricostruzione, questi esseri sono ancora più attratti, e così via in ciclo verso il perfetto “stimolo” e il perfetto “profilo” di ogni persona. Gli apparati istituzionali e informativi tradizionali sono sempre più dipendenti sia economicamente che politicamente dai social network. Chi meglio di questi “cyberborboni” poteva somministrare feste e forca? Ci sono certamente cause dovute a una emorragia di vendite dei giornali stampati e a una crisi di credibilità della “classe” politica, per la quale «l’unica ragione del contendere è [diventata solo] l’amministrazione del potere». Temo però che con una lettura contingente ci perderemmo le derive sistemiche. A colpi di emergenze non si promette nulla di buono.